News

Approda ad Augusta il nipote di Nazario Sauro, evento di Marina militare e Liceo “Megara”

AUGUSTA – È ormeggiata ad Augusta fino a domani nella sede del Comando Marittimo Sicilia la barca a vela “Galiola III” dell’ammiraglio Romano Sauro che, dal 4 ottobre dello scorso anno, gira l’Italia per illustrare ai giovani studenti la figura del nonno Nazario Sauro, eroe della Prima guerra mondiale.

Questo progetto, che prende il nome di “Sauro 100“, e vede la presentazione del libro Nazario Sauro – Storia di un marinaio, è inserito nell’ambito delle celebrazioni della Presidenza della Repubblica per il centenario della Grande Guerra e intende toccare simbolicamente cento porti italiani.

La Marina militare, tramite Marisicilia, ha dato supporto logistico ed ha accompagnato l’ammiraglio Sauro nel corso della conferenza con il Liceo “Megara” di Augusta, tenuta venerdì mattina nell’aula “Vallet” dell’istituto e che non è stato possibile ripetere questo sabato a causa della chiusura delle scuole per condimeteo avverse.

L’ammiraglio Sauro – ha detto il contrammiraglio Nicola De Felice nel dare il suo benvenuto – è stato un grande ufficiale. Lui, assieme a suo nonno, sono un punto di riferimento per tutto l’equipaggio della Marina militare“.

Romano Sauro proseguirà domani il suo viaggio verso Catania per poi risalire l’Italia e fare l’ultima tappa a Trieste il 4 ottobre 2018. “In Sicilia ho ricevuto una grande accoglienza – ha detto – sono andato nelle scuole per parlare dei valori in cui mio nonno credeva: libertà, giustizia, solidarietà. Valori universali che valevano allora e valgono ancora oggi“.

Gli studenti del “Megara”, istituto diretto dalla reggente Agata Sortino, sono rimasti particolarmente colpiti da una frase che Nazario Sauro ha scritto in una lettera alla moglie: “Cara consorte, insegna ai nostri figli che suo padre fu prima italiano, poi padre e poi uomo”. Da qui un appassionato confronto intergenerazionale sul concetto di patriottismo in tempi odierni.


In alto