News

“Arca di Sante”, mare accessibile ai disabili con un’imbarcazione rigenerata. Manca il motore, associazioni lanciano raccolta fondi

AUGUSTA – È stata chiamata “Arca di Sante“, l’imbarcazione che sta tornando a nuova vita grazie alla dedizione dell’augustano Sante Maiorca e che consentirà anche a persone diversamente abili di godere delle meraviglie del mare.

Si tratta di un progetto di cui Maiorca, ex sommozzatore, costretto ormai da anni in carrozzina per una grave malattia genetica, ha reso partecipi, trovandone subito la condivisione, l’Asd Il Faro onlus Augusta presieduta da Giovanni Spadaro e l’associazione “20 novembre 1989” di cui l’augustano Sebastiano Amenta è vicepresidente nazionale. “Questa è l’ennesima prova che le associazioni ad Augusta sono il cuore pulsante della città“, commenta soddisfatto Maiorca.

Con l’aiuto di alcuni amici e del titolare di un cantiere navale locale, Maiorca sta ultimando il ripristino della vecchia imbarcazione, una lancia di 6 metri, per renderla fruibile dalle persone diversamente abili, per escursioni in mare lungo la costa augustana. I lavori per la rigenerazione e l’adattamento dell’imbarcazione dovrebbero concludersi entro il mese di luglio, ma non sarebbero disponibili altre risorse economiche per l’acquisto del motore necessario.

Quindi l’appello del promotore dell’iniziativa: “La barca necessita di un motore fuoribordo da 40 cavalli ma non abbiamo i fondi per acquistarlo, poiché le nostre risorse economiche destinate al progetto sono ormai agli sgoccioli. Contiamo ora sulla generosità dei nostri concittadini e chiunque voglia sostenere questo importante progetto. Abbiamo ricevuto già l’adesione dei responsabili della società del porticciolo Xifonia, i fratelli Fazio, che ci permetteranno di usufruire della loro struttura, a cui vanno i ringraziamenti miei e delle associazioni Il Faro e 20 novembre 1989“.

Appena questa iniziativa prenderà vita – prosegue Maiorca – sono sicuro che regalerà giornate di gioia e spensieratezza alle famiglie di caregiver familiari e dei loro cari, con delle escursioni nel meraviglioso mare della nostra beneamata Augusta. Augusta e gli Augustani rispondono sempre positivamente a queste iniziative e ringrazio anticipatamente per quello che si farà“.

Della raccolta fondi se ne stanno occupando le due summenzionate associazioni a supporto, con unici referenti Giovanni Spadaro e Sebastiano Amenta.


In alto