News

Asp al bilancio di fine anno: assunzioni di ruolo e “Muscatello” centro di riferimento regionale amianto

SIRACUSA – “L’anno che sta per concludersi è stato caratterizzato da numerose iniziative tese prevalentemente a completare i percorsi e le linee di attività già avviate negli anni precedenti e notevole è stato lo sforzo profuso per adeguare gli atti di organizzazione dell’Azienda alla nuova Rete ospedaliera varata dall’Assessorato regionale alla Salute con il decreto 629 del 2017. Una riorganizzazione degli atti programmatori aziendali che ha visto l’Asp di Siracusa rispettare pienamente gli standard Balduzzi, allineandosi fedelmente agli indirizzi emanati dalla Regione, grazie ai quali sono stati sbloccati i concorsi e si è potuto così dare nuova linfa alla sanità siciliana”. Lo ha detto il commissario dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta stamani in conferenza stampa per il tradizionale appuntamento, assieme ai direttori sanitario e amministrativo, rispettivamente Anselmo Madeddu e Giuseppe Di Bella, per il bilancio di fine anno.

Con l’approvazione dell’Atto aziendale, della nuova Dotazione organica e del Piano triennale del fabbisogno del personale per gli anni 2017-2019, elaborato ai sensi delle direttive assessoriali ed in conformità alle previsioni numeriche della dotazione organica approvata nel rispetto del tetto di spesa assegnato, con la conseguente autorizzazione all’avvio delle procedure di reclutamento nei limiti di cui al Piano del fabbisogno per l’anno 2017 da parte dell’Assessorato regionale della salute, l’Asp di Siracusa, come ha spiegato il commissario, ha proceduto ad oggi alla assunzione a tempo indeterminato mediante lo scorrimento di graduatorie di concorsi pregressi di 35 dirigenti medici per i reparti di Medicina di Accettazione e Urgenza, Medicina Interna, Ginecologia, Chirurgia generale, Ortopedia, Nefrologia, Medicina Trasfusionale, Chirurgia Vascolare, Cardiologia, Medicina Fisica e Riabilitativa, Oftalmologia, Oncologia medica, Neonatologia, Pediatria, nonché 4 dirigenti veterinari ex area B, 1 farmacista, 12 tecnici di laboratorio e 12 della prevenzione e 119 infermieri professionali.

Per gli infermieri, l’Asp di Siracusa sta provvedendo ad un ulteriore scorrimento della graduatoria di bacino dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania per ulteriori 37 unità con l’obiettivo di dotare soprattutto i reparti ospedalieri di personale medico ed infermieristico adeguato. Il percorso di adeguamento della dotazione organica dell’Asp di Siracusa sta proseguendo secondo le diverse modalità indicate dalle direttive assessoriali e prossimamente si procederà, inoltre, alla assunzione di 10 tecnici di radiologia, 10 ostetriche e 6 fisioterapiste al fine di completare l’iter assunzionale previsto dal Piano di fabbisogno.

Sempre in tema di organico l’Asp di Siracusa ha recentemente assegnato gli incarichi dirigenziali, 620 in totale, dando stabilità all’organizzazione aziendale ed ha approvato il regolamento che porterà a breve alla nomina dei direttori dei Dipartimenti.

Numerosi i percorsi di miglioramento continuo dei servizi esistenti, che sono stati realizzati quest’anno, sia in termini di qualità e di efficacia, sia in termini di efficienza e di ottimizzazione delle risorse e delle performance clinico-assistenziali e gestionali. Ma tanto è stato fatto anche in termini di realizzazione di nuovi servizi fino a ieri inesistenti. Tra questi, l’apertura di nuovi sportelli Cup in collaborazione con i Comuni per avvicinare sempre più i servizi sanitari territoriali ai cittadini, semplificandone anche l’individuazione e per una più ampia copertura del territorio provinciale, la collaborazione con il Parco commerciale Belvedere con l’apertura di sportelli per il rinnovo dell’esenzione ticket, il trasferimento della postazione 118 alla Casermetta Mazzini nel centro storico di Ortigia, l’apertura del Centro regionale di riferimento per le patologie derivanti dall’amianto nell’ospedale “Muscatello” di Augusta. Ospedale in cui le azioni poste in essere sino ad oggi secondo il piano di riorganizzazione programmato che ha previsto l’attivazione di nuovi reparti come Neurologia, Oncologia, Ematologia, Chirurgia ad indirizzo oncologico, confermano la sua destinazione a polo di riferimento oncologico provinciale. Il commissario ha ricordato il completamento all’inizio di quest’anno del trasferimento nei nuovi locali del presidio ospedaliero augustano del Pronto soccorso, del Laboratorio analisi e della Radiologia nonché il completamento del Presidio territoriale di assistenza.

Anche quest’anno – ha sottolineato il commissario – si è ulteriormente consolidato il rapporto di collaborazione e di alleanza con tutte le Istituzioni presenti sul territorio con operatori dell’Asp che hanno attivamente collaborato su specifiche progettualità”.

Sul fronte della prevenzione, il commissario ha ricordato tra le numerose iniziative l’importante collaborazione con la Polizia Stradale e i Carabinieri di Siracusa contro le stragi del sabato sera, per la prevenzione dell’uso di droghe, alcool e del gioco d’azzardo, le numerose conferenze itineranti per favorire l’adesione dei cittadini ai programmi di screening per i tumori della mammella, del colon retto e dell’utero, la collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale e gli Istituti scolastici della provincia di Siracusa per iniziative di formazione dei giovani e di programmi di alternanza scuola-lavoro, interventi per la sicurezza nei luoghi di lavoro effettuati anche in collaborazione con le forze dell’ordine, azioni, più in generale, miranti al governo del territorio con la Prefettura, la Procura della Repubblica, la Questura, Guardia di Finanza, Carabinieri anche del Nucleo ispettori del lavoro e Nas, Polizia, Marisicilia, Capitaneria di porto, Ispettorato del lavoro, Sovrintendenza ai Beni culturali, amministrazioni comunali, sindacati e terzo settore.

Sul fronte dell’assistenza ai migranti, il commissario ha ricordato l’impegno che anche quest’anno è stato profuso dal personale aziendale coinvolto nelle varie fasi con il coordinamento della Prefettura di Siracusa e le Forze dell’ordine con un modello di assistenza sanitaria ai migranti, dallo sbarco ai centri di accoglienza, molto apprezzato anche dagli organismi europei del settore che ha consentito la scelta di Siracusa da parte dell’Ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità quale sede per la Summer school on migrant and refugees health.

Il commissario ha ricordato il programma Rotary “No Ictus” effettuato a Siracusa e provincia mediante una innovativa campagna di screening che ha previsto, in collaborazione con gli ambulatori cardiologici territoriali, l’utilizzo da parte dei medici di famiglia di modernissimi dispositivi per la diagnosi precoce, 14 in tutto, acquistati dai Rotary club dell’Area aretusea (Siracusa, Siracusa Monti Climiti, Siracusa Ortigia, Palazzolo Valle dell’Anapo, Noto Terra di Eloro, Pachino, Lentini, Augusta) e donati all’Asp di Siracusa, distribuiti a rotazione ai medici di medicina generale per sottoporre a valutazione i propri pazienti più a rischio. Un progetto che ha l’obiettivo di andare ad individuare nei soggetti ultracinquantenni l’eventuale presenza di aritmia silente (fibrillazione atriale), mediante una diagnosi precoce al fine di indirizzare per tempo alla terapia il paziente scongiurando un nefasto ictus cerebrale.

Notevole è stato anche quest’anno l’impegno finalizzato al miglioramento dei tempi medi di presa in carico dei pazienti nei Pronto soccorso e alla riduzione dei tempi di attesa per le prestazioni diagnostiche e strumentali nonché sul fronte della Trasparenza e della prevenzione della corruzione. Nell’ambito delle azioni di informazione destinate ai fruitori dei Pronto soccorso, il commissario ha sottolineato la campagna di informazione e le azioni di formazione che sono state realizzate quest’anno sull’esistenza del “Codice rosa“, dedicato alle vittime di violenza e al servizio di accoglienza curato da psicologi e volontari.

Tra gli interventi avviati quest’anno sul fronte strutturale anche per migliorare la capacità ricettiva e alberghiera delle strutture aziendali, mentre rimane punto fermo concretizzare la realizzazione del nuovo ospedale di Siracusa, il commissario ha citato i lavori di ristrutturazione in corso nel reparto di Ginecologia ed Ostetricia dell’ospedale “Umberto I” di Siracusa già in avanzato stato di realizzazione, il completamento e la messa in esercizio degli impianti di rilevazione incendi all’ospedale Rizza mentre sono in avanzato stato di esecuzione quelli all’ospedale “Umberto I”, i lavori già terminati di manutenzione ordinaria e straordinaria negli ospedali di Lentini ed Avola per l’attivazione dei reparti di Rianimazione.

Un sentito ringraziamento il commissario Brugaletta, insieme con i direttori sanitario e amministrativo Anselmo Madeddu e Giuseppe Di Bella, lo ha rivolto alla Presidenza della Regione e all’Assessorato regionale della Salute, al prefetto di Siracusa, al procuratore della Repubblica, ai comandanti delle Forze dell’ordine, ai sindaci, alle organizzazioni sindacali, ai deputati siracusani, alle associazioni di volontariato, “per l’impegno corale che hanno profuso al fianco della Direzione dell’Asp di Siracusa, contribuendo attivamente al raggiungimento di traguardi attesi dalla collettività siracusana che a breve potrà contare anche sull’apertura delle Rianimazioni degli ospedali di Lentini e Avola e della Residenza sanitaria assistita di Pachino per la quale è stato ottenuto quest’anno il certificato di agibilità dei locali“. Altro ringraziamento, inoltre, è stato rivolto anche a tutto il personale medico e infermieristico dell’Azienda, degli Uffici amministrativi e a tutti i dipendenti “per l’impegno ed il senso di appartenenza nell’interesse supremo della centralità del cittadino e del soddisfacimento dei suoi bisogni sanitari“. Ultimo riconoscimento infine “all’importante ruolo dei giornalisti e di tutti gli organi di stampa nei confronti dei quali vanno i ringraziamenti della direzione aziendale“.


In alto