Eventi

Augusta, chi era don Paolo Liggeri? Celebrazione nell’auditorium a lui dedicato

AUGUSTA – 75 anni fa, nel settembre 1943, nella Milano sconquassata dalla guerra, nacque l’istituto “La casa”, per ospitare quanti avevano perduto la propria abitazione a causa dei bombardamenti. Nacque per volere dell’augustano-milanese don Paolo Liggeri, che ospitò anche ebrei perseguitati dai nazisti e, per questa ragione, fu rinchiuso nei campi di sterminio nazisti.

Sopravvissuto, fondò il primo consultorio italiano e fu per anni consulente familiare, giornalista e scrittore.  Sull’esperienza nei lager nazisti pubblicò il libro “Triangolo rosso”. La sua ultima fatica letteraria fu “Augusta carissima”, libro di ricordi legati alla sua città natale, dove veniva ogni estate, ospite del fratello Carmelo, prete musicista, che meriterebbe anch’egli d’essere degnamente ricordato, rettore della chiesa del Carmine.

Paolo Liggeri sarà celebrato degnamente, martedì 18 dicembre, a partire dalle ore 18, nell’auditorium a lui dedicato, al piano superiore del civico palazzo San Biagio, in via Roma, a cura della Commissione comunale di storia patria, presieduta da Giorgio Càsole, e della sezione di Siracusa-Ragusa, presieduta da Orazio Carpino, dell’Anppia, l’associazione nazionale dei perseguitati politici antifascisti, con relazioni, letture dei suoi libri e con la partecipazione del baritono Marco Zarbano, la corale “Note in armonia”, diretta dalla soprano Francesca Ussia, con Salvo Passanisi alla tastiera.


In alto