News

Augusta è donna, a confronto protagoniste della vita istituzionale, sociale e culturale in città

AUGUSTA – Di “fimmini ca cuntunu”, per citare il titolo di un libro di Carmela Mendola, ad Augusta ce ne sono tantissime come rappresentato in un convegno, voluto dall’associazione filantropica “Umberto I” del presidente Mimmo Di Franco e moderato dalla stessa scrittrice augustana, in occasione della giornata dell’8 marzo.

Al convegno dal titolo “Il ruolo della donna nella società attuale“, dopo i saluti di rito, si è entrati nel vivo del tema, partendo dalla relazione del primo cittadino, Cettina Di Pietro, che ha toccato i temi del lavoro, del welfare e della crescente percentuale di donne in quasi tutti i settori del mercato del lavoro. Il sindaco, insediatasi nel giugno 2015, ha evidenziato che “Augusta vanta una grande rappresentanza di donne: la maggior parte degli assessori donne, quattro dirigenti scolastiche donne, sono donne le più attive nel campo del giornalismo locale…“. Ha auspicato che la propria figlia possa lavorare un giorno in un contesto socio-economico in cui la parità fra i sessi sia riconosciuta pienamente, giacché ancora oggi le “donne devono lavorare di più degli uomini per essere apprezzate e remunerate come loro”.

Il promotore dell’affollata iniziativa, il presidente Di Franco, ha poi posto l’accento sulla necessità di agevolazioni per le mamme lavoratrici, sottolineando a titolo d’esempio come “scarseggiano infatti gli asili nido pubblici“.

Numerose le testimonianze che sono seguite, da parte di rappresentanti della politica, con la presidente del consiglio comunale, Sarah Marturana, l’assessore alla cultura Giusy Sirena e l’assessore all’urbanistica Adriana Commendatore. Queste ultime due, insieme al sindaco Di Pietro appunto e a Roberta Suppo, vicesindaco con delega ai lavori pubblici, compongono una giunta a maggioranza femminile.

Quindi gli interventi delle dirigenti scolastiche Maria Giovanna Sergi e Maria Concetta Castorina, rispettivamente del comprensivo “Orso Mario Corbino” e dell’istituto superiore “Arangio Ruiz”. Entrambe hanno voluto sottolineare l’importanza degli insegnamenti scolastici e familiari nell’educazione e formazione delle future cittadine, informando i presenti anche di una recente ordinanza ministeriale sul linguaggio di genere. È intervenuta anche la docente Tiziana Sortino in sostituzione della dirigente scolastica del comprensivo “Salvatore Todaro”, Rita Spada.

Dopo il mondo della scuola, si sono susseguiti i contributi dall’associazionismo, per gli ambiti del lavoro, della cultura e del servizio. Marina Noè per Assoporto Augusta, con un passato di assessore regionale all’industria, la segretaria della Camera del lavoro – Cgil Lorena Crisci, poi ancora Adriana Giudice presidente di Inner Wheel club, Mariada Pansera per Archeoclub sede di Augusta, Anita Caramagno referente della delegazione locale della Croce rossa italiana, Rita Cocciolo già presidente del Lions club cittadino.

Ancora, la testimonianza dell’associazione e centro antiviolenza “Nesea”, con la sua presidente Stefania Caponigro, che ha ricordato il quotidiano lavoro delle volontarie nella prevenzione della violenza sulle donne e nella delicata assistenza fornita alle vittime. Non è mancato il saluto della presidente del Comitato commercianti Augusta, Elvira Cappelleri, impegnata nell’evento in concomitanza che ha animato il centro storico, tra mercatini e campagne di sensibilizzazione dal titolo “Il valore delle donne” (vedi articolo).

Erano state invitate a intervenire anche il capitano Rossella Capuano, comandante della Compagnia Carabinieri di Augusta, e la dirigente del Commissariato della Polizia di Stato, Stefania Marletta, impossibilitate a partecipare per impegni istituzionali.

Tutte donne, dunque, che hanno raggiunto posizioni apicali in città, riunite per conferire all’8 marzo la connotazione di momento di condivisione e riflessione, oltre la semplice giornata celebrativa.

Alessandra Peluso

(Foto in evidenza: Alberto Di Grande)

 


In alto