Eventi

Augusta, un deposito di Gnl nel porto megarese: si apre il dibattito su ubicazione e potenzialità

AUGUSTA – Prende corpo l’ipotesi di realizzazione di un deposito di stoccaggio di Gnl (Gas naturale liquefatto) nel porto Megarese e in particolare al pontile consortile all’altezza della raffineria Sonatrach. Il Governo italiano ha disposto che entro il 2025 tutti i porti “core” della rete “Ten” dovranno essere in grado di fornire Gnl alle navi e, opportunamente distanziati, dovranno essere previsti distributori Gnl per autocarri sulla rete “core” stradale.

Sono in corso di valutazione alcuni progetti di depositi Gnl nei porti di Rovigo,  Napoli, Ravenna , Livorno, Oristano, Cagliari. E il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, attraverso il progetto “Gainn4mos“, cofinanziato dalla Commissione europea a valere sui fondi Cef Trasporti, ha individuato il porto “core” di Augusta quale sito per avviare la realizzazione di una rete di distribuzione e gestione di impianti di stoccaggio Gnl.

Per tale ragione l’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia orientale (Adsp di Augusta-Catania), presieduta da Andrea Annunziata, ha avviato a dicembre, attraverso un avviso esplorativo di manifestazione di interesse con scadenza il 6 febbraio scorso, l’iter per l’eventuale realizzazione e gestione di un deposito di stoccaggio di Gnl nel porto di Augusta, aderendo così alle indicazioni derivanti dagli indirizzi delle politiche comunitarie e nazionali in materia di pianificazione energetica.

Viene messo a disposizione dall’Adsp, per collocare tale deposito, il pontile consortile ad oggi non utilizzato all’altezza della raffineria di Augusta, anche se nell’avviso si specifica che l’Autorità “resta comunque aperta a valutare ulteriori e possibili collocazioni all’interno della propria circoscrizione territoriale“. Collocazione rispetto alla quale Legambiente Augusta, pur favorevole al Gnl, ha manifestato perplessità, invocando un dibattito pubblico con le amministrazioni interessate, in particolare sugli aspetti relativi alla sicurezza, all’ubicazione, al dimensionamento.

Dalla sicurezza e resilienza del sistema energetico nazionale, alla gestione dello sviluppo delle fonti rinnovabili, alla decarbonizzazione dei trasporti. Questi tra i risvolti positivi del Gnl che saranno illustrati giovedì 14 febbraio con inizio alle ore 15, nella sede di Confindustria Siracusa, da alcuni esperti: Rosario Lanzafame, professore ordinario di Sistemi per l’energia e l’ambiente presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Catania, Antonio Maneri e Rosina Barbuscia della società Fosen Ulstein Design & Engineering, Mario Dogliani della Fondazione Cs Mare.

Al convegno, che ha per titolo “Porto hub di Augusta: un deposito di Gnl a servizio del sistema marittimo”, saranno presenti il dirigente generale del Dipartimento Energia della Regione siciliana, Salvatore D’Urso e il sindaco di Augusta, Cettina Di Pietro. Ad aprire i lavori il presidente di Confindustria Siracusa, Diego Bivona, mentre le conclusioni saranno di Andrea Annunziata, presidente dell’Adsp di Augusta-Catania.


In alto