Sport

Calcio giovanile, Sportland Augusta raddoppia: formerà campioncini per Sicula Leonzio e Megara

AUGUSTA – L’Asd Sportland 2000 raddoppia sul fronte della formazione di giovani calciatori, per i diversi accordi siglati in queste settimane che coinvolgono non solo Augusta.

La principale novità è che, per i piccoli atleti nati dal 2005 al 2012, gestirà l’attività di base della Sicula Leonzio, blasonata società lentinese del presidente Giuseppe Leonardi, neopromossa nella prossima Serie C. Infatti l’organizzazione e la gestione delle squadre Esordienti e Pulcini è stata affidata dal responsabile del settore giovanile Massimiliano Borbone alla società augustana. Insomma, i piccoli calciatori faranno parte dell’Asd Sportland, vestendo in giro per l’Italia i colori bianconeri della Sicula Leonzio. Le categorie Primi calci e Piccoli amici invece faranno parte direttamente dell’Academy lentinese.

Per gli altri giovani, dalle categorie Juniores, Allievi fino ai Giovanissimi, era già stato presentato un mese fa il progetto fortemente voluto dal Megara, con il patron Elio Coppola e il presidente Roy Ferreri, che prevede la costruzione delle squadre del settore giovanile della storica società neroverde, in Promozione. Un progetto portato avanti per far crescere giovani atleti con l’obiettivo di fargli indossare entro un lustro la maglia del Megara, per la nuova stagione allenato da mister Tony Costa (vedi articolo e video).

Quest’ultimo, fondatore della società di calcio giovanile gialloblù, riferisce: “Grande soddisfazione quella di essere stati scelti in entrambi i casi da due presidenti che hanno fatto dell’umiltà e del lavoro a testa bassa due principi del loro lavoro, rimanendo pur sempre molto ambiziosi. Nell’anno che ci porta al compimento del ventesimo anno di attività è un regalo che ci siamo voluti fare“.

Molto contenta della scelta fatta – aggiunge Martina Costa, tra Sportland e Sicula Leonzio, della quale è segretaria del settore giovanile –. I progetti a cui abbiamo deciso di aderire ripagano il lavoro e i sacrifici di questi anni di attività. Tutto viene fatto per dare una possibilità ai nostri bambini di crescita, divertendosi nel frattempo dando due calci ad un pallone“.


In alto