Sport

Calcio, Promozione, il Megara può aspirare a un campionato di vertice. Ferreri: “Restare coi piedi per terra”

AUGUSTA – Il Megara si è aggiudicato, sabato, il combattuto derby contro il Floridia, grazie ad una rete del bomber Di Mauro, scaturita da uno schema da palla inattiva e vola in classifica. I neroverdi del patron Elio Coppola, grazie all’importante successo, si trovano a quota 20 e si piazzano in classifica al 4° posto a pari punti con il Real Siracusa Belvedere.

È stata una gara difficile e combattuta così come avevamo previsto. I ragazzi – commenta il presidente Roy Ferreri hanno giocato con il cuore e la testa per conquistare i 3 punti. Siamo molto felici per questa quinta vittoria consecutiva che dimostra il buon lavoro fatto in questi mesi. Il nostro obiettivo per questa stagione era di costruire una tranquilla salvezza tra le mura amiche, cosa che stiamo riuscendo a fare alla grande, rendendo il Megarello un vero e proprio “fortino”“.

La gara contro il Floridia, che era reduce da ben 5 successi consecutivi, è stato un valido banco di prova per gli augustani, che ora possono anche aspirare a un campionato di vertice. La vetta della classifica infatti è lontana appena 5 punti, ma il dato confortante è che, nella sconfitta di misura (1-2) in casa di una delle due attuali capilista, il Ragusa, i megaresi non hanno affatto demeritato ed avrebbero meritato almeno 1 punto.

Dobbiamo restare con i piedi per terra – aggiunge il massimo dirigente del sodalizio sportivo augustano – e continuare a lavorare con serietà ed impegno. Il gruppo è unito e compatto e mister Pippo Zarbano sta facendo un lavoro egregio. Ci manca la vittoria esterna e chissà se questa sarà la volta buona per centrare i 3 punti fuori casa. Nell’anticipo di sabato prossimo ci aspetta un’altra trasferta difficile a Piazza Armerina contro la Don Bosco, formazione che sinora ha raccolto solo 6 punti ed è relegata nelle zone basse della classifica. Si tratta però di una squadra molto fisica che venderà cara la propria pelle, dovremo essere bravi a non sottovalutare gli avversari e a sfruttare al meglio le occasioni che creeremo”.

(Foto in evidenza: repertorio)


In alto