News

Cerimonia conclusiva del progetto Inner Wheel “Insieme abbattiamo le barriere”

AUGUSTA – Abbattere le barriere attraverso lo sport, inteso come attività vitale per tutti i cittadini: questa la scia seguita dal club service femminile Inner Wheel di Augusta, presieduto da Valentina Cappiello Saraceno. Insieme alla governatrice distrettuale Inner Wheel Nadia Arena Micalizio e alla segretaria distrettuale Patrizia Fangano, nell’ambito in linea del tema internazionale “Touch a heart”, il club ha promosso un concerto estivo finalizzato alla raccolta fondi per l’acquisto di un sollevatore mobile per diversamente abili.

La cerimonia conclusiva ha avuto luogo nel tardo pomeriggio di sabato, presso il Circolo Unione di Augusta, alla presenza della presidente Gaetanella Bruno, dei soci Inner Wheel e Rotary e di autorità civili e militari, tra cui il sindaco Cettina Di Pietro, il comandante Compagnia Carabinieri Rossella Capuano e alcuni ufficiali della Marina Militare, oltre al campione di paracanoa Salvo Ravalli, reduce dalle Paralimpiadi di Rio.

consegna-sollevatore-mobile-inner-wheel-il-faro-onlus-augusta-2In apertura, introdotta dalla signora Marilena Solano Abramo, Valentina Cappiello, presidente del club service tutto al femminile, ha spiegato: “Abbiamo pensato di iniziare ad abbattere le barriere architettoniche da una in particolare: quella nel nuoto, uno sport completo che ci aiuta a mantenere lo stato di salute e talvolta a recuperarlo. Ci sono diverse persone, per esempio, che in seguito a incidenti stradali o a interventi chirurgici hanno la necessità di effettuare una terapia riabilitativa in acqua. E poi ci sono tante persone che hanno bisogno di nuotare come attività sportiva ricreativa o, ancor di più, riabilitativa“.

Quindi ha illustrato l’obiettivo di far sì che, attraverso il sollevatore mobile acquistato, vi fosse una piscina in città con accesso libero a tutte le persone con disabilità, permanenti o provvisorie, e anche a persone con problematiche motorie quali gli anziani.

L’Inner Wheel club ha messo su questo progetto anche grazie all’aiuto di due associazioni sportive cittadine: l’Asd Il Faro onlus, presieduta da Giovanni Spadaro, presente alla serata insieme ad  alcuni rappresentanti del direttivo, e l’Asd Athon, con la responsabile Antonella Aprile, che la prossima settimana accoglierà il sollevatore presso la struttura del Centro polisportivo Augusta. La Aprile, poi a margine della cerimonia, ci ha riferito: “Per noi il sollevatore rappresenta la possibilità di attuare il nostro lavoro rispettando la dignità, il diritto alla vita e il comune vivere. Grazie a questo strumento non ci sono più differenze nell’accesso ad una piscina, immergendosi in un elemento dove ci si può tenere in forma o curare adesso in modo libero”. Le due associazioni si impegneranno a rendere tale mezzo fruibile a tutti coloro che ne avessero di bisogno.

Dopo i ringraziamenti alle altre associazioni e aziende del territorio che hanno reso possibile il successo della raccolta fondi, è stato ricordato il compianto Rino Lazzari, venuto a mancare poco più di un mese fa, con un commosso applauso dei presenti.

La presidente Cappiello e la signora Solano hanno infine affidato simbolicamente il sollevatore al presidente dell’Asd Il Faro onlus, Giovanni Spadaro, con la consegna della targa che vi sarà apposta, mentre la consegna dello strumento avverrà appunto la prossima settimana direttamente al Centro polisportivo.

Alessandra Peluso


In alto