News

Ecco la Ztl di Brucoli fino al 22 luglio. Proposta l’estensione estiva a tutte le sere

AUGUSTA – L’amministrazione comunale dà il via alla Ztl per il primo mese dell’estate nella frazione di Brucoli, regolamentandola attraverso un’apposita ordinanza della Polizia municipale. Parzialmente recepita l’istanza formalizzata lo scorso aprile dall’associazione culturale “Brucoli”, presieduta da Luca Baffo e che riunisce commercianti e residenti del borgo e delle contrade limitrofe.

Da sabato 30 giugno a domenica 22 luglio, nei soli giorni di sabato e domenica, dalle ore 19 alle ore 1 è vietata la circolazione e la sosta veicolare, ambo i lati, nella via Libertà, nel tratto compreso tra la traversa per Campolato Basso e via Castello; è vietata la circolazione veicolare, nel senso di marcia sud-nord, nella stessa via Libertà, nel tratto compreso tra la seconda Traversa lato ovest e quella che conduce a Campolato Basso, esclusi i veicoli diretti a Campolato; è inoltre vietata la circolazione veicolare in via Augusta, nel tratto compreso tra via Nuova e via Libertà.

Dalle ore 21 alle ore 1, è vietata la circolazione veicolare anche nella via Nuova, ad eccezione dei residenti.

Saranno comunque consentiti il transito e la sosta ai veicoli dei corpi di polizia e ai mezzi di soccorso e ai veicoli al servizio di persone con limitata o impedita capacità motoria che espongono sul parabrezza il relativo contrassegno.

Non si conoscono ancora gli intendimenti dell’amministrazione comunale per la regolamentazione della circolazione nella seconda parte dell’estate a Brucoli, comprendente anche il fine settimana della festa in onore di San Nicola, patrono della frazione. L’associazione “Brucoli”, nella suddetta istanza, oltre alla Ztl nei fine settimana precisamente tra il 1 giugno e il 13 luglio, aveva richiesto di istituire una Ztl, per il periodo dal 14 luglio al 26 agosto, estesa a tutti i giorni dalle ore 20 alle ore 1.

Resta aperto 24 ore su 24 il parcheggio libero all’ingresso del borgo, nel terreno che un anno fa l’Enel, proprietaria, ha concesso in comodato d’uso gratuito allo stesso Comune e recentemente oggetto di una indagine di mercato da parte dell’ente per l’eventuale affidamento in concessione a privati.

(Foto in evidenza: repertorio)


In alto