Archivio

Giordani avvia le selezioni, ancora polemiche sul salone comunale negato

marcello-giordani-yap-salone-comunale-augustaAUGUSTA – Negli ultimi giorni si è dibattuto ampiamente in Città e sui social network in merito alla richiesta da parte del tenore Marcello Guagliardo, in arte Giordani, di utilizzare il Salone di rappresentanza comunale per ospitare le selezioni del Concorso internazionale di canto lirico. E, contestualmente, sul diniego motivato e sulla conseguente offerta da parte del sindaco Cettina Di Pietro di ospitare l’evento presso palazzo San Biagio.

Il confronto, non solo tra i protagonisti della vicenda, ma anche tra gli utenti dei social network, con cittadini e perfino consiglieri comunali a postare i loro commenti, si è esteso infine alle norme contenute nel regolamento comunale, più volte menzionato nelle rispettive istanze ufficiali.

Chi sostiene che non fosse opportuno concedere il Salone di rappresentanza motiva sia citando il regolamento che l’eventuale disturbo per diversi giorni arrecato ad amministratori e dipendenti comunali, dubitando della centralità del Palazzo di Città se adibito a sala per selezioni riservate di un evento che comunque avrebbe celebrato la finale in altra sede.

Chi invece sostiene che le motivazioni del diniego siano labili evidenzia che nessuna norma del regolamento vieterebbe di realizzare eventi nelle ore diurne, ricordando a titolo di prova la recente conferenza stampa sul porto tenuta dall’Amministrazione dalle ore 12 alle ore 14. Come sull’eventuale utilizzo del Salone nelle ore pomeridiane, in merito al quale lo stesso regolamento non prevedrebbe alcun divieto. Anche in tal caso si ricorda a supporto della tesi una conferenza stampa calendarizzata per lunedì pomeriggio prossimo. Infine, sull’obiezione dei possibili fini commerciali dell’evento, gli organizzatori del Concorso spiegano che “le quote di partecipazione richieste ai concorrenti servono a sostenere solo una minima parte delle spese necessarie per la realizzazione dell’evento, i cui costi sono in gran parte a carico dell’Associazione che lo realizza“.

Nel frattempo, Marcello Guagliardo, in arte Giordani, dopo aver individuato come sede per l’intero evento il teatro privato fuori Città, è al lavoro per la riuscita della quinta edizione della manifestazione, che ha il fine di avviare giovani talenti alla carriera del cantante lirico.

L’Accademia musicale “Marcello Giordani – Yap” conferma la partecipazione di giurati di assoluto prestigio internazionale, da Dominique Meyer, Intendant of The Vienna Staatsoper, a Nicoletta Mantovani, Presidente Pavarotti Foundation, da Olga Kapanina, Artistic Administrator of Mihailovsky Theater of San Petersburg, a Elena Rizzo, Segretario Artistico del Teatro Petruzzelli di Bari, passando per Ian Rosenblatt, Artistic Director of The Rosenblatt Recital Series, Thomas Yaksic, Artistic Director of Teatro Municipal Sao Paolo do Brasil, Gianni Tangucci, Direttore Artistico Accademia del Maggio musicale fiorentino, Aldo Tarabella, Direttore Artistico del Teatro del Giglio di Lucca, Sabino Lenoci, Direttore della rivista “L’Opera”, Cristian Deliso, Direttore Palace Fest di San Pietroburgo e Consulente St. Moritz Opera Festival.

Infine, il Presidente del Concorso, Marcello Giordani, che ci informa: “Abbiamo già ascoltato online, attraverso file in formato mp3 e canali Youtube, oltre cinquanta concorrenti provenienti da Paesi di tutto il mondo, che mi piace ricordare: Cina, Russia, Canada, Spagna, Armenia, Angola, Venezuela, Brasile, Uzbekistan, Irlanda, Ucraina, Italia, Stati Uniti“.


In alto