PUBBLICITÀ ELETTORALE
Blog

Il progetto cinematografico su Augusta “Zero,2” al Giacinto festival di Noto

Sabato 6 agosto il progetto di Zero,2 verrà presentato per la prima volta in assoluto all’interno del Festival di Noto “Giacinto – Nature Lgbt”, festival di informazione ed approfondimento dedicato alla cultura omotransessuale. Quando il direttore artistico Luigi Tabita mi ha invitato a parlare del mio cortometraggio al Festival Giacinto è stato per me un onore, perché ho compreso il forte interesse verso un progetto che rivendica l’essenzialità di vedere tutelati i propri diritti.

Ci sono diverse ragioni per cui questo invito è stato accolto da me, il regista Giulio Poidomani e la produttrice Isabella Roberto, con grande entusiasmo. Oltre al meraviglioso fil rouge che lega Giacinto, il nome del Festival di Noto, a quello del protagonista di Zero,2, è doveroso sottolineare il nostro legame a questo evento perché dedicato ad un tema che ci sta molto a cuore: la libertà di essere se stessi.

La Purple Road Picture sotto il nome di Isabella Roberto ha prodotto proprio due anni fa un progetto cinematografico dal titolo Mai, nel quale ho partecipato come coordinatore di produzione, che racconta la storia d’amore tra due donne. Claudia arriva in Sicilia per riconquistare Anna ma, dopo il suo rifiuto, persa tra le vie di una città che non conosce, incontra Sandro, con cui compirà un viaggio alla ricerca di se stessa attraverso l’accettazione dei propri sentimenti e il peso insormontabile del pregiudizio sociale.

Ecco perché siamo particolarmente felici di poter presentare il nostro nuovo progetto Zero,2 proprio all’interno del Festival Giacinto, perché la libertà di essere se stessi è un tema su cui il regista Giulio Poidomani ha sempre creduto e proprio da questo punto è partito nel processo che lo ha portato a scrivere e realizza Mai. Facendone un omaggio a L’avventura di Michelangelo Antonioni, ha voluto dimostrare che il cinema, anche quello a volte guardato con sospetto ed etichettato come “cinema d’autore”, non ha in realtà etichette, come non dovrebbe averne la vita. L’arte parla di sentimenti e genera sentimenti… Essi non prevedono alcuna suddivisione in categorie.

Zero,2 è un progetto in cui abbiamo creduto sin dalle prime righe scritte da me di fretta su un foglio bianco; è una storia ambientata ad Augusta, in provincia di Siracusa, che pone l’accento sulla incessante forza della bellezza di una natura che sopravvive a tutto, anche alla mano distruttiva dell’uomo. Augusta è vittima del disastro ambientale causato dal polo petrolchimico più grande d’Europa, che per circa cinquant’anni ha devastato l’intera area con emissioni fuori controllo e scarichi selvaggi.

Il compromesso del progresso è sotto gli occhi di tutti: elevatissima quantità di mercurio in mare, contaminazione della catena alimentare, falde acquifere inquinate, aria irrespirabile, crescita esponenziale di nascite di bambini malformati e di morti per cancro. Zero,2 è la storia di chi non si arrende e lotta per i propri diritti, soprattutto per un diritto chiamato “vita“. È la storia di un viaggio attraverso le bellezze di un luogo che nonostante sia stato dilaniato, martoriato e mutilato rimane sempre lì, aggrappato alle sue meraviglie, deciso a non soccombere.

L’anima di questa battaglia è affidata ad un uomo che non si è mai arreso e che ha sempre lottato a difesa della salute e dall’ambiente, il Dott. Giacinto Franco protagonista di Zero,2 e alla cui instancabile lotta è dedicato il nostro progetto cinematografico.

In chiusura ci terrei a sottolineare un concetto che mi sta molto a cuore: essere liberi vuol dire rispettare ed essere rispettati, in tal senso la vita umana va difesa e tutelata, sempre e ovunque.

Il Blog su cinema e cortometraggio Augusta 2016 Obraz di Claudia La Ferla per La Gazzetta Augustana.it


PUBBLICITÀ ELETTORALE
In alto