Eventi

Lirica e scuole, un abbraccio reso possibile dallo speciale Elisir d’amore

AUGUSTA – In veste di palcoscenico didattico, questo martedì mattina, il Palajonio ha sollevato il sipario sul melodramma italiano di primo Ottocento, presentandolo in chiave moderna, al giovanissimo pubblico di alunni della scuola primaria di primo e secondo grado, dei quattro istituti comprensivi augustani.

La compagnia di teatro amatoriale “Redicuore”, con il grande contributo di artisti e comparse locali, ha portato sulla scena una versione ridotta de L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, riscritta in un unico atto, della straordinaria regista Patrizia Gula. Un percorso formativo, già cominciato a gennaio dopo la prima de Il barbiere di Siviglia e siglato Yap, che trova nel direttore artistico, il tenore di fama internazionale Marcello Giordani, un garante per avvicinare anche i più piccoli al mondo dell’opera lirica, come nella partecipazione appassionata di quei docenti di storia della musica, in platea insieme alle proprie classi.

L’insegnante Mariella Catalano, ad esempio, referente per le quinte elementari, le prime e seconde medie dell’Istituto comprensivo “Corbino”, ha riconosciuto come la preparazione iniziale promossa da tutte le scuole e poi, soprattutto, la diretta visione di uno spettacolo teatrale possano aiutare i bambini ad approcciarsi alla cultura e a sviluppare una grande capacità critica.

Sono convinta che i bambini non siano abituati alla lirica ed è per questo che ho voluto realizzare uno spettacolo attuale, affinché soprattutto loro possano comprenderlo. L’idea mi è balzata alla mente raccontando la storia d’amore tra Adina e Nemorino a mia nipote Carola, protagonista di questo nuovo libretto, entusiasta di ascoltarla. Ho capito che avrei potuto affascinare i bambini, distrarli in qualche modo dalla tecnologia. Noto la presenza di almeno il 20 per cento delle classi a cui abbiamo presentato l’evento e ciò significa che abbiamo già fatto bingo!“, ha raccontato la regista Patrizia Gula prima della messa in scena.

lelisir-damore-per-scuole-scena-palajonio-augustaIl lavoro prodotto è il risultato originale di una differente ricerca, divertente e corale, molto simile alla commedia dell’arte. La scenografia è allestita da Clara Passanisi con la tecnica della baloon art, per affascinare i bambini; i costumi, invece, sono il frutto della fantasia di Tiziana Armellini. Al pianoforte, il maestro siracusano Ivan Manzella accompagna i quattro cantanti, selezionati con cura dallo stesso Giordani: il soprano Gaia Gallitto nel ruolo di Adina, il tenore Riccardo Palazzo per Nemorino, il baritono Salvatore Terrazzino per Belcore e il baritono Giovanni Di Mare a interpretare il medico fanfarone Dulcamara.

È la piccola Carola Passalacqua ad aprire l’atto, entrando con un tablet in mano e mostrando noia verso l’esperienza lirica, in un vivace duetto col padre, interpretato da Vanni Petruzzelli, che le assicura il divertimento con la battuta: “Basta ascoltare la musica!“. E la regista spiega: “I bimbi quindi nella voce di Carola sono parte attiva, lei è il loro pensiero, i loro gesti, la loro semplicità“.

Su questo progetto ambizioso, Marcello Giordani ha inteso puntualizzare: “Ho voluto porre l’attenzione su artisti siciliani, che hanno lavorato duramente, provando per più di un mese, anche perché lo spettacolo sarà riproposto integralmente la sera di domenica 29 maggio presso la sala di “Città della notte”, con una vera orchestra, per promuovere parimenti anche qui la nostra arte, esattamente come da anni fanno al nord!“.

Comunque, al debutto, il successo strepitoso della nuova sperimentazione targata Yap si è potuto evincere dal caloroso applauso dei bimbi, che hanno partecipato attivamente e con allegro interesse alla pièce teatrale, data dalla combinazione tra canto, danza e recitazione. E a margine dello spettacolo, il tenore si è potuto esprimere con soddisfazione: “Ho visto bimbi felici e divertiti; la lirica, che sembra a molti così lontana, oggi è stata così vicina da poterla quasi toccare”.

Alessandra Peluso


In alto