Politica

Lunedì incontro sul porto, Tripoli: “Sindaco si metta a capo della protesta”, Canigiula: “Madre di tutte le battaglie”

AUGUSTA – Seguono la raffica di adesioni del sabato all’iniziativa di mobilitazione popolare promossa dai sindacati anche altri due consiglieri comunali dell’opposizione, Alessandro Tripoli ed Enzo Canigiula.

Tripoli non risparmia critiche alla seduta di Consiglio comunale “congiunto” sullo “scippo” della sede dell’Autorità di sistema portuale. “Ritengo a dir poco squallido l’iter che il Consiglio comunale straordinario tenutosi lo scorso giovedì ha seguito, per affrontare la ormai pesante questione della Port Authority di Augusta – polemizza il consigliere –. Abbiamo perso un’ occasione, forse l’ultima dati i tempi ristretti, per poterci confrontare e finalmente far fronte comune, superando il muro di quella classe politica che ha avallato il colpo di mano a danno di Augusta“.

Spiega il merito della critica politica: “Molte le note stonate nella serata: l’intervento di Cancelleri, volto a suo modo, a farsi propaganda elettorale di tipo “subliminale”, invitando deputati e assessori regionali e nazionali alle dimissioni, e poi i battibecchi tra sindaco e deputati, il tutto contornato dalla magistrale conduzione del confronto del nostro presidente del Consiglio comunale di Augusta, grazie alla quale, si è avuta una fuga dei sindacati e, cosa più grave, il mancato intervento di quei consiglieri che avevano tutte le intenzioni, poi ritrattata vista l’ora tarda, di condividere strategie e possibili soluzioni per fronteggiare l’emergenza“.

Tripoli si rivolge al sindaco Cettina Di Pietro, che ha convocato un incontro urgente per lunedì: “A questo punto, posso solo esortare il Sindaco, in virtù dell’importante ruolo istituzionale che ricopre, affinché già lunedì, come da lei stessa preannunciato, possa ricucire i rapporti con tutti e mettersi consapevolmente a capo della protesta. Per quanto ovvio mi rendo sin da subito disponibile a seguire l’indicazione e la strada maestra che il sindaco vorrà indicarci“.

Il collega di opposizione Canigiula ci riferisce che non farà mancare la sua adesione e il suo impegno all’organizzazione di una mobilitazione popolare per il mantenimento della sede dell’Autorità di sistema portuale. “È la madre di tutte le battaglie“, esclama, pur non dimenticando la questione del ridimensionamento dell’ospedale “Muscatello”, battaglia alla quale ha dedicato energie e interventi consiliari.

Infatti, anche su quest’altro fronte, Canigiula attende che venga accolta la sua proposta di porre la questione all’ordine del giorno di ogni seduta consiliare.


In alto