PUBBLICITÀ ELETTORALE
News

Marinarsen Augusta, vertici Fp Cisl in assemblea col personale civile: “Situazione è grave, va rilanciato”

AUGUSTA – Venuto appositamente ad Augusta per incontrare il personale civile dell’Arsenale militare marittimo, il coordinatore nazionale del settore Difesa della Funzione pubblica della Cisl, Paolo Bonomo, già intervistato in esclusiva da La Gazzetta Siracusana.it, ha rivendicato l’importanza di Augusta in ambito nazionale come polo strategico per il comparto. “Difendiamo il ruolo dell’Arsenale di Augusta e le specificità e competenze che le maestranze hanno dimostrato per anni, Marinarsen va rilanciato perché è strategico”. Lo ha detto, in un intervento più ampio di analisi nazionale del settore, questo venerdì mattina, 19 maggio, nell’assemblea con il personale civile dell’Arsenale, affiancato dai segretari regionale e provinciale della Funzione pubblica della Cisl, rispettivamente Gigi Caracausi e Daniele Passanisi, e dal coordinatore regionale Fp Cisl Difesa Salvatore Saraceno.

La vertenza aperta all’Arsenale augustano e la carenza delle lavorazioni ridotte negli ultimi sette anni, in particolare, sono state al centro dell’analisi del segretario provinciale della Funzione pubblica della Cisl, Daniele Passanisi: “La situazione dell’Arsenale e del comparto Difesa di Augusta è grave. Abbiamo una vertenza annosa, abbiamo acceso i riflettori il 4 aprile dello scorso anno per denunciare il depauperamento del sito sia in termini di assunzioni che lavorativi. C’è una carenza di lavorazioni che ha portato a risultati di carenza di organico delle maestranze interne, ma anche dell’indotto locale che non riesce a poter svolgere quelle lavorazioni che si svolgevano all’interno del sito dell’Arsenale”.

Nell’ambito dell’Arsenale sono 250 le unità impegnate, che raddoppiano considerando il comparto della Difesa. Passanisi ha posto però anche il tema della carenza di almeno 80 unità tecniche necessarie per le attività della manutenzione delle navi.

Abbiamo organizzato lo scorso anno una giornata proprio per discutere di questo, invitando non solo la cittadinanza ma anche la compagine politica regionale e nazionale per attenzionare una problematica che andava avanti da tempo – ha spiegato Passanisi –, finora nessuna risposta è stata ottenuta se non interrogazioni parlamentari che lasciano il tempo che trovano. L’anno scorso abbiamo avuto una sola nave per la sosta lavori per grandi manutenzioni, oggi ne abbiamo solo una. Quindi, continuando di questo passo, sicuramente cambierà lo status di stabilimento industriale della Marina militare. I fondi operativi per le manutenzioni navali sono diminuiti di gran lunga se consideriamo che nel 2010 avevamo circa 10 milioni di euro come stanziamento, l’anno scorso ne abbiamo avuto appena 1 milione”.

Passanisi ha sferzato la classe politica siracusana presente al Governo nazionale e regionale, dicendo che: “Questo significa che non c’è volontà politica perché non possiamo addossare la responsabilità ai vertici militari che hanno tutta l’intenzione di tenere il sito vivo. Questo è un problema prettamente politico di investire sul territorio augustano, significa togliere un’ulteriore fetta importante dell’economia augustana e siracusana in genere”.

Interpellato a margine dell’assemblea, Passanisi ci ha riferito un ulteriore aspetto della questione, quello degli ex militari inabili: “L’attenzione deve essere alta su questo versante. Possiamo inserire nuovo personale, c’è un ragionamento in atto sugli ex militari inabili al lavoro che transitano nei ruoli civili ed occupano i posti in organico vacanti, ma se sono inabili si capisce bene che non possono svolgere l’attività lavorativa necessaria. Il know-how non viene trasferito perché la gente che aveva competenze specifiche sta andando piano piano in pensione, abbiamo così contenitori vuoti“.

Durante l’assemblea, c’è stato anche spazio per un’interlocuzione con il personale, mentre il segretario regionale Fp Cisl Caracausi ha affrontato la tematica relativa al piano dei rinnovi contrattuali su cui è impegnato in prima fila il sindacato.


PUBBLICITÀ ELETTORALE
In alto