News

Museo della Piazzaforte, il direttore espone le necessità: nuovi locali per far “rientrare” cimeli pregiati e potenziamento attuali

AUGUSTA – Il direttore del Museo della Piazzaforte, Antonello Forestiere ha depositato oggi, al sindaco Cettina Di Pietro e per conoscenza all’assessore alla Cultura, Giusy Sirena (vedi foto in evidenza, a destra), la Relazione consuntiva 2018 e il Documento programmatico 2019, così come dispone l’attuale Regolamento del Museo in vigore.

Si ricorda che il Museo della Piazzaforte ha sede da oltre un lustro al piano terra del palazzo di città ed è aperto al pubblico ogni sabato mattina (ore 9,30-12,30), gestito a titolo di volontariato dal direttore, con l’ausilio del comitato di direzione, tutti selezionati con apposito bando comunale nel settembre 2017.

Nei documenti è stato segnalato da Forestiere, tra l’altro, che la collezione ha raggiunto il ragguardevole numero di 690 pezzi, ricordando tutte le varie attività culturali svolte nel corso dell’anno, specie in collaborazione con alcune scuole (la “Todaro” di Augusta, la “Brancati” di Siracusa) ed altri enti culturali, quale il Centro studi storico-militari Augusta (Cssma), in occasione delle celebrazioni per il centenario della Grande guerra 1915-18 nonché le numerose visite di studenti e docenti di scuole di Augusta, associazioni d’arma e club service siciliani.

È stata altresì evidenziata la necessità di potenziare le strutture espositive e l’illuminazione delle vetrine del Museo al fine di consentire un impiego ancora più razionale degli spazi per i cimeli, nell’auspicata prospettiva di potere però disporre di ulteriori locali ove collocare i pezzi di maggiori dimensioni, come i diversi cannoni tutt’oggi ancora in comodato d’uso presso il “Museo dello Sbarco in Sicilia 1943” di Catania, mentre altri cimeli rimangono custoditi presso il comprensorio della Marina militare a Terravecchia ed altri ancora sono esposti nei cortili della Polizia di Stato a piazza Castello. Tra le altre questioni segnalate relative alla migliore funzionalità del Museo con l’augurio di una prossima soluzione, sono state segnalate l’areazione dei locali e la redazione di una brochure del Museo per i visitatori.

Il quadro complessivo del Museo è pertanto quello di un ente culturale che, animato da passione e sacrificio di chi lo sorregge e ne consente il funzionamento, è in salute – sottolinea il direttore Antonello Forestiere – ma vorrebbe e potrebbe stare ancora meglio, per offrire al pubblico un contenitore culturale ed una collezione allestita ancora più modernamente in locali ancora più funzionali“.

Nell’occasione del deposito dei due documenti, il direttore del Museo ha comunicato al sindaco di avere ricevuto il mese scorso a Roma, nel corso di un’apposita cerimonia presso Palazzo Marina (vedi foto in evidenza, a sinistra), direttamente dal capo di stato maggiore della Marina militare, ammiraglio di squadra Valter Girardelli, la nomina onoraria a “Consigliere scientifico della Marina militare” nel settore Sociale, in riconoscimento della sua meritoria trentennale attività svolta in favore della Forza armata. Il sindaco ha espresso ad Antonello Forestiere quale direttore del Museo, nonché come concittadino, il suo più vivo compiacimento ed augurio per il brillante e specifico riconoscimento ottenuto in campo storico-culturale.


In alto