News

Passaggio della campana al Rotary club Augusta, avvicendamento tra Pitari e Romano

AUGUSTA – Si è aperto il 1 luglio scorso il nuovo anno sociale del Rotary club di Augusta, con la tradizionale cerimonia del passaggio della campana, dinanzi alle autorità rotariane e cittadine. In un noto albergo cittadino, il presidente uscente Giuseppe Pitari ha ceduto il “collare” a Fabrizio Romano, medico oncologo della Uoc di oncologia della Asp di Siracusa.

Alla presenza del sindaco Cettina Di Pietro, per quanto riguarda i due club giovanili, nella stessa serata Ylenia Leanza è subentrata a Lavinia Pitari alla presidenza del Rotaract, e Gaia Messina è succeduta a Maria Virginia Pitari alla presidenza dell’Interact. Al tavolo dei relatori anche Edy Lantieri, assistente del governatore distrettuale John De Giorgio. Presenti i neo segretari del Rotary club Giuseppe Tringali e Antonio Roggio, i prefetti Gaetanella Bruno e Salvatore Giamblanco, quest’ultimo nel ruolo di cerimoniere. Presenti altresì il delegato per la Rotary foundation Gabriella Maiorca il past governatore Concetto Lombardo, il rappresentante distrettuale Interact Leonardo Floridia, il delegato Rotaract Gabriele Ragusa. Ha altresì mandato i saluti, tramite missiva letta al pubblico, il governatore entrante Titta Sallemi.

Per i suoi meriti, al presidente uscente Giuseppe Pitari, che nel corso dell’anno sociale ha dato impulso alla concretizzazione di oltre cinquanta iniziative a beneficio della comunità, è stato attribuito l’Avenues of service citation, ovvero un prestigioso attestato di encomio per le vie di azione del Rotary, riconoscimento internazionale del Rotary concesso raramente a soci che abbiano realizzato progetti e attività in ognuna delle cinque cosiddette “vie d’azione” rotariane: azione interna, azione professionale, azione di pubblico interesse, azione internazionale e azione giovanile. È stato infatti assegnato solo otto volte in vent’anni nel distretto Sicilia-Malta.

Dopo i saluti e i ringraziamenti di rito, Pitari ha tracciato un bilancio della sua esperienza annuale quale presidente: “È stato un anno in cui abbiamo mantenuto alto il livello di coinvolgimento e di entusiasmo dei soci del club, cercando al contempo di operare in modo utile e proficuo nel territorio al servizio dei principi associativi fondanti in cui crediamo”. Ha poi ricordato il compianto Rino Lazzari, rotariano scomparso prematuramente lo scorso agosto, “il cui spirito, il cui stile e la cui signorilità sono rimasti sempre presenti nella mente, nel cuore e nell’azione di ciascuno di noi che abbiamo avuto la gioia di conoscerlo e di condividere assieme a lui i principi del servizio e dell’amicizia nel Rotary”.

Quindi il presidente entrante Fabrizio Romano ha smorzato l’emozione ironizzando che quando gli è stata comunicata la notizia della nomina alla presidenza si è sentito “come il volto ritratto ne L’urlo di Munch“. Ha ammesso di avvertire il peso della responsabilità che tale ruolo richiede, ma si è detto, tuttavia, fiducioso del fatto che grazie al valido supporto dei soci potrà svolgere l’incarico nel migliore dei modi. Tra le più importanti iniziative già avviate dal Rotary club e che verranno rilanciate, Romano ha ricordato lo “Scambio giovani”, che quest’anno, per quanto concerne lo scambio annuale, ha visto protagonisti la giovanissima augustana Marta Pulia, ospitata da una famiglia ad Ottumwa in Iowa, e da quella cittadina Jaimeson Hicklin, ospitato a sua volta ad Augusta dalla famiglia Pulia. Inoltre, Romano si è voluto subito mettere al lavoro annunciando e realizzando l’indomani mattina, domenica 2, la prima attività di servizio della sua presidenza al Faro Santa Croce, supportando i medici volontari della Uoc di oncologia dell’Asp nello svolgimento di una attività di sensibilizzazione sulla prevenzione del melanoma e dei tumori della pelle.


In alto