Cronaca

Pescavano nei pressi dei pontili del porto megarese, sequestrati 200 metri di reti

AUGUSTA – Ancora reti da pesca, in questa occasione per circa 200 metri totali, sequestrate in porto, nei pressi del pontile consortile e di uno dei pontili della società Esso.

Nell’ambito di un’operazione di polizia marittima, i militari della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Augusta, a bordo di una motovedetta, durante il controllo delle acque del compartimento marittimo di Augusta, in particolare del porto megarese, a seguito di una segnalazione fatta dai colleghi di una nave della Marina Militare, hanno individuato un’imbarcazione, i cui occupanti erano intenti in attività di pesca, senza averne titolo, e per di più in zona vietata.

I militari hanno quindi proceduto al sequestro degli attrezzi da pesca e a elevare le relative sanzioni amministrative ai trasgressori di circa 2 mila euro.

L’attività di vigilanza condotta dalla Capitaneria di porto – Guardia costiera di Augusta proseguirà nel futuro con una serie di missioni operative, anche in ore notturne, ponendosi come obiettivo primario la salvaguardia dell’ecosistema marino che in prossimità della costa risente pesantemente degli effetti di una pesca effettuata in maniera irriguardosa delle norme, e soprattutto potenzialmente pericolosa per i consumatori quando esercitata in porto.


In alto