Hobby & Hi-Tech

Presentato ad Augusta il progetto “Eric”: seicento famiglie siciliane per un fotovoltaico a prezzo di costo

AUGUSTA – L’assessore comunale all’Ambiente, il catanese Danilo Pulvirenti, chimico di professione, il pomeriggio di martedì 31 gennaio, nell’auditorium del civico palazzo San Biagio, ha presentato il primo (“Accendiamo il Sole!”) di una serie di seminari dedicati alla formazione di una coscienza ambientalista. Forse perché il primo, forse per la temperatura abbastanza rigida, forse per una non sufficiente copertura mediatica, pochi erano i presenti.

Ciò nonostante, un altro tecnico catanese, Gianluca Proto, ingegnere esperto di “economia verde”, ha presentato con convinta partecipazione un progetto nato ad Aci Castello, comune etneo, e pensato per la Sicilia. Il progetto ha per nome “Eric” (che sta per “Economia rinnovabile e circolare”) ed è promosso dall’associazione senza scopo di lucro “Arse” (Associazione per il risparmio e la sostenibilità energetica), che mira ad avviare un gruppo d’acquisto sostenibile di impianti fotovoltaici residenziali.

Proto ha precisato che “Eric” intende raggruppare un massimo di seicento famiglie siciliane con la finalità di acquistare un impianto fotovoltaico a basso costo, facendo parte di un nuovo processo economico europeo noto come come “economia circolare”, improntato sul concetto di riduzione delle materie prime, dei rifiuti e delle emissioni di anidride carbonica. Per comprendere meglio il beneficio ambientale che si otterrebbe grazie al progetto, secondo quanto esposto, sarà la riduzione di 95o mila kg di anidride carbonica e l’immissione sul mercato di 9o mila kg di prodotti interamente recuperabili, sottratti, cioè, alle discariche.

Possiamo dire – ha osservato Proto – che 95o mila chili di CO2 equivalgono alle emissioni di un’automobile che potrebbe percorrere mille volte il tragitto Catania-Capo Nord. Un beneficio – ha concluso – di gran lunga più soddisfacente di una domenica senz’auto: il che equivale a un impegno etico da parte dei cittadini che, comunque, con il fotovoltaico certamente contribuiranno alla tutela ambientale, oltre a ricevere un risparmio in termini di costi“.


In alto