- La Gazzetta Augustana - http://www.lagazzettaaugustana.it -

Prima categoria, lo Sporting Augusta concede il bis nonostante il contestato arbitraggio

AUGUSTA – Nella seconda giornata del campionato di Prima categoria, lo Sporting Augusta ha dimostrato sul difficile campo di Scordia che le ambizioni da favorita del torneo poggiano su solide basi. Quattro reti ed una grande prestazione “da squadra” lanciano i neroverdi in vetta, in tandem con il Psv Misterbianco.

Quattro firme diverse in trasferta, quelle di Ilardo, Spadaro, Busso e Indelicato, che rendono vana la doppietta di Malgioglio per i padroni di casa e fissano il risultato sul 2-4. Una vera prova di forza collettiva, che certifica la qualità della nuova conduzione tecnica ad opera di mister Pippo Zarbano.

Un’analisi della gara viene fornita direttamente dal presidente Massimo Casertano e dal presidente onorario Angelo Santanello: “Era una gara insidiosa. Averla superata con grande autorità conferma che siamo sulla buona strada. Continuiamo a lavorare con umiltà e saremo certamente protagonisti. I ragazzi sono stati bravi soprattutto a non perdere la calma, per una direzione di gara assurda ed indisponente: lo Scordia non ha fatto un solo tiro in porta“.

Poi una bordata nei confronti della direzione arbitrale: “Ogni volta che si affacciava nei pressi della nostra area, l’arbitro fischiava un calcio piazzato dal limite: mai visto niente di simile. Abbiamo preso un gol su una punizione inesistente e su un “non fallo” da rigore avvenuto almeno due metri fuori dall’area. Veramente pazzesco. Con un arbitro normale la partita non avrebbe avuto storia. Invece lo Scordia è rimasto in partita per metà gara”.

A proposito di polemiche, viene riferito che sul finale di gara ci sarebbe stato un “giallo”, per il quale si attende un chiarimento in settimana dal giudice sportivo: “Il nostro giocatore Indelicato è stato insultato e beccato dal pubblico per tutta la partita, per via di alcune “scorie” relative alla partita di Coppa Sicilia: quando ha segnato, al 90’, ha esultato alla Luca Toni, portandosi la mano dietro l’orecchio. Crediamo che ci possa stare. Invece il pubblico locale ha scatenato un inferno, tirando in campo oggetti e bottiglie d’acqua. L’arbitro ha fischiato la fine senza concedere recupero. Ma sulla nostra vittoria non esistono dubbi”.

Mercoledì 5 ottobre sarà ancora Sporting-Scordia, per il ritorno di Coppa Sicilia, alle ore 15,30, questa volta al “Megarello”. I neroverdi dovranno vincere con due reti di scarto e la dirigenza neroverde nutre grande ottimismo.