Archivio

“Sarde allinguate”, storia e ricetta di un piatto della tradizione siciliana

Piatto di sarde allinguate

Piatto di sarde allinguateLe sarde allinguate sono uno tra i più tipici piatti siciliani. Un tempo le sarde erano considerate un piatto povero della cucina siciliana e questo ha fatto sì che la tradizione gastronomica della nostra terra inventasse e sperimentasse molteplici ricette con questo delizioso ingrediente alla portata della maggior parte delle famiglie.

Sull’etimologia del nome ci si divide per lo più su due possibili origini. Il termine “allinguate” farebbe pensare nell’immediatezza alla “lingua”, forma assimilabile alla modalità di presentazione della sarda, aperta in due. In realtà, l’origine del nome risalirebbe all’epoca del dominio degli Spagnoli in Sicilia. Così come per molti piatti della tradizione siciliana, come le sarde a beccafico, il cacio all’argentiera, le melanzane a quaglia, anche le sarde allinguate sarebbero “un’imitazione low cost” dei piatti portati sulle tavole dei ricchi.
Il nome, infatti, richiama lo spagnolo “lenguado”, ossia sogliola, un pesce prelibato mangiato dai nobili spagnoli.

Le sarde allinguate sarebbero, dunque, una versione tutta siciliana del piatto a base di sogliole mangiato dai nobili spagnoli.

Gaetano Basile, storico delle tradizioni popolari, in un’intervista spiega proprio l’origine del piatto: “(…) La stessa sarda viene elevata al rango di lenguado, i nobili mangiavano lenguado, da noi si parlò spagnolo fino al 1741. Il lenguado in spagnolo è la sogliola, per cui anche lì per copiare le sogliole si prese una sarda, aperta, deliscata, ed ecco le sarde al lenguado, allinguata (…)”.

Eccovi adesso la ricetta, molto semplice da preparare e deliziosa da mangiare.

Ingredienti:

– 1 kg di sarde
– aceto di vino bianco
– farina
– sale
– olio
– limone

Pulite le sarde ed apritele a libro, togliendo la lisca. Lasciate macerare le sarde completamente pulite in un contenitore con l’aceto per circa un’ora (l’aceto deve coprire le sarde). Dopo averle asciugate ed infarinate, friggete le sarde in olio bollente. Passate le sarde su un foglio di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso, salate, spruzzate con abbondante limone e servite calde.

Fonte: LaGazzettaPalermitana.it


In alto