PUBBLICITÀ ELETTORALE
Politica

Scoppia la polemica sull’aiuola adottata all’ingresso di Augusta, Zappulla: “Grave cartello di propaganda per M5s”

AUGUSTA – “Consentire di far piazzare un cartello di propaganda elettorale per il Movimento 5 stelle proprio all’ingresso della città, facendolo passare come fosse la “adozione” di un’aiuola spartitraffico, è un atto di inaudita gravità da parte dell’amministrazione comunale di Augusta, che denota una concezione padronale e antidemocratica delle istituzioni e degli organi che le rappresentano“. Con queste durissime parole, il deputato nazionale di Articolo uno – Mdp, Pippo Zappulla, innesca la polemica sull’aiuola spartitraffico insistente sulla strada statale 193 all’ingresso della città, “adottata” dal consigliere comunale pentastellato Marco Patti, già presidente del Consiglio comunale, e riqualificata nei giorni scorsi dal meetup “Augusta 5 stelle”.

La “adozione” è prevista dal recente regolamento comunale “Adotta un’area verde” e in tal caso la convenzione tra il privato e l’ente prevede la cura volontaria dell’area per la durata di un anno con la possibilità di proroga per un ulteriore anno. Il cartello reca la scritta, subito sotto il logo comunale: “Servizio verde pubblico. Questo spazio pubblico è curato gratuitamente da Patti Giovanni per conto del Movimento 5 stelle Augusta. Abbiatene rispetto”.

Ma questo mese è scattata la campagna elettorale per le elezioni regionali del 5 novembre, con la relativa normativa per la propaganda elettorale. “Non è con un gesto di dozzinale furbizia e illegale scorrettezza – afferma Zappulla –, che il Movimento 5 stelle può sperare di risalire il brusco crollo dei consensi, registrato dopo appena 27 mesi di disastrosa amministrazione Cettina Di Pietro. È il momento che gli elettori, prima ancora delle istituzioni poste a garanzia del rispetto delle leggi, ricordino ai grillini che la legalità non è un hashtag per i social media, ma passa dalla pratica quotidiana, così come la credibilità si fonda nella storia personale. Con cartelli come quello piazzato nell’aiuola all’ingresso di Augusta, scandalosamente autorizzato da una delibera di giunta in totale dispregio della normativa vigente, il Movimento 5 stelle sta dimostrando di non avere né l’una, né l’altra“.

Inoltre, il parlamentare si riferisce alla manifestazione elettorale che si terrà domani pomeriggio, mercoledì 11 ottobre, in piazza ex Mercato, alla presenza del candidato alla presidenza della Regione, Claudio Fava: “La Prefettura di Siracusa e le Forze dell’Ordine, preposte alla vigilanza sul rispetto della normativa in materia di pubblicità elettorale, intervengano immediatamente per ripristinare le condizioni di legalità necessarie al sereno svolgimento della manifestazione che, domani sera all’antico mercato del centro storico, vedrà impegnato il nostro candidato alla presidenza della Regione, Claudio Fava, nella presentazione del suo programma politico “Centopassi per la Sicilia”“.

Soltanto due giorni fa, attraverso la propria pagina social, il sindaco Cettina Di Pietro, pubblicando alcune foto di aiuole “adottate” tra cui proprio quella oggetto della contestazione odierna, annunciava: “Con soddisfazione presento alla cittadinanza i risultati e gli effetti dell’approvazione del Regolamento comunale sull’adozione delle aree verdi che, congiuntamente alla sensibilità dimostrata dai cittadini, in forma singola o associata, stanno determinando un miglioramento dell’immagine e del decoro in diverse aree della città“.


PUBBLICITÀ ELETTORALE
In alto