Eventi

Spettacolo di beneficenza “Per ricordare Claudia”, annunciati i protagonisti

AUGUSTA – Un “memorial per non dimenticare” e nello stesso tempo un “inno alla vita”. Questi i temi dello spettacolo di beneficenza dal titolo “Per ricordare Claudia…”, che si terrà sabato 21 aprile alle 20,30 nella sala “Cannata” del teatro di “Città della notte”, dedicato a Claudia Quattrocchi, la tredicenne scomparsa nel settembre 2013 dopo essere stata travolta da un’auto sull’attraversamento pedonale di corso Sicilia.

A organizzarlo il “Centro danza Odette Odile” di Dominga Campisi, che ha avuto l’idea, in collaborazione con l’associazione “Genitore e Figli – Unitevi a noi”, presieduta da Antonio Caruso, che ha nella sicurezza stradale una delle principali finalità associative. I dettagli della serata sono stati esposti stamani in una conferenza stampa tenutasi nella sede dell’associazione.

Ad aprire l’incontro è stata proprio la mamma della compianta tredicenne, Alessandra Barreca, che ha ringraziato l’insegnante di danza Campisi per aver ideato il progetto, “oggi divenuto realtà”.

Caruso ha spiegato che il ricavato del gala di beneficenza (con biglietti da 10 euro ancora in vendita, tramite i contatti dell’associazione o delle scuole di danza) sarà devoluto all’associazione “Genitori e figli” per l’acquisto della terza pedana sopraelevata deterrente di velocità delle quattro previste all’interno del progetto biennale “La sicurezza fa strada – Insieme si può!”, promosso lo scorso anno dall’associazione per rendere più sicuri gli attraversamenti pedonali in prossimità degli istituti scolastici dei comprensivi “Domenico Costa”, “Salvatore Todaro”, “Principe di Napoli” e “Orso Mario Corbino”. La scuola “Todaro” è stata la prima scuola a usufruire della pedana.

Il prossimo 24 aprile verrà sorteggiato l’istituto a cui sarà donata la seconda pedana, acquistata grazie alle due raccolte fondi promosse nei periodi natalizio e pasquale.

Dominga Campisi si è soffermata sull’importanza di “non dimenticare” la tragica morte di Claudia, perché “come lei, altre persone hanno perso la vita sulla strada”. “Claudia va ricordata innanzi tutto come persona ma anche in base a quello che aveva scelto di fare, e lei aveva scelto di fare la ballerina. Inoltre – ha aggiunto Campisi – quando si può abbinare tanta bella danza e tanto spettacolo a una missione per il territorio è una cosa molto bella”.

Mentre l’insegnante di danza Rossana Nicosia si è commossa parlando di Claudia, sua allieva per ben otto anni. “È arrivata da me quando aveva solo 4 anni. Una ragazza sempre sorridente, con una personalità vulcanica ed esplosiva”, ha ricordato.

Sabato sera si alterneranno sul palco otto scuole di danza: Centro danza Odette Odile, ovviamente, Oltre la Danza, DanzaNirò, Il Cigno bianco, Asd Smash dance studio, Scuola di danza Choreia, Panta rei danza e fitness, Latin club. Allo spettacolo presentato da Silvia Falco parteciperanno diversi artisti: il giovanissimo ballerino Gabriele Baio, il violinista Giovanni Di Mauro, il duo acustico Salvo Maglitto e Michele Guagliardo, la cantante Giorgia Fazio, e gli organizzatori promettono ulteriori sorprese.


In alto