Cultura

Spettacolo finale del laboratorio teatrale per bambini del “Centro Shloq”, pubblico entusiasta

AUGUSTA – “Quando noi tre ci rivedremo ancora? Con tuono, lampo o pioggia? Quando allora? Quando sarà finito il parapiglia e sarà vinta o persa la battaglia. Sarà al calar del sole questa sera. E il luogo? Alla scogliera. Laggiù dobbiamo andare, Shakespeare ad incontrare”.

Il prologo delle streghe di Macbeth e La dodicesima notte, in un adattamento teatrale per ragazzi, sono stati messi in scena lo scorso giovedì 13 luglio dai piccoli attori del “Centro Shloq”, diretto dal maestro Salvo Tempio, col titolo Amori abbottonati, con prologo stregato. Il “Centro Shloq” è la casa della “Shloq association”, presieduta da Tempio, con tredici anni di attività culturale e musicale alle spalle.

L’adattamento in lingua italiana per bambini utilizzato per le due opere non ha tradito l’originale in versi, bensì ha sfruttato la semplicità delle rime e la scorrevolezza della storia, ricca di sentimenti che ruotano intorno all’amore, motore di tutta la vicenda. Originale e creativa la messa in scena realizzata con camicie colorate e fantasiosamente “abbottonate”, trovata registica che coniuga la scelta di un utilizzo non usuale dell’oggetto con la metafora del bottone, simbolo del legame e di verità sottese e rivelazioni finali.

Su un inusuale palcoscenico, il cortile interno dell’Opera pia Parisi Zuppelli Santangelo nel centro storico di Augusta, i piccoli attori hanno fatto rivivere il sentimento amoroso nelle varie sfaccettature, quali emergono dal testo shakespeariano, l’innamoramento, l’amore fraterno e l’amore coniugale.

Il gioco del teatro è l’approccio metodologico su cui si fonda il lavoro di questo laboratorio teatrale – spiegano le maestre di teatro Anna Passanisi e Ada Tringali, un percorso fatto di disciplina, di condivisione e accettazione di sé e dell’altro, una grande opportunità per imparare a conoscere e riconoscere le proprie emozioni e poterle gestire nella vita di tutti i giorni“.

L’emozione dei piccoli protagonisti, particolarmente espressivi e comunicativi, ha incontrato il favore di un pubblico numeroso ed entusiasta. “Si perde nei tempi l’inizio? Poco importa. L’opera è pronta, il piacer vostro è quel che conta”. E, se il piacer del pubblico, come recita il buffone di corte, è quello che conta, si può dire che è stato un gran successo.

I piccoli attori protagonisti dello spettacolo sono stati: Selene Petrini, Lorenzo Ballotta, Francesco Iaci, Roberta Abagnale, Fernanda Patania, Alessandro Santanello, Aaron Aloisi, Stefano Sgarlata, Mila Ranno, Maria Vittoria Cifariello, Benedetta Bramanti.


In alto