News

Successo di “Atmosfere urbane”, il bilancio di fine anno in scatti di Apf

AUGUSTA – Si appresta alla fine la mostra fotografica intitolata “Atmosfere urbane” organizzata dai soci Apf in occasione della conclusione dell’anno di attività. L’esposizione è allestita nella sala del “Visual art center”, così definito dagli stessi soci, presso i locali dell’ex libreria Mondadori in via Principe Umberto n. 82.

Si concluderà venerdì 30, giorno in cui sarà possibile visitarla sia di mattina che di pomeriggio, ultima occasione per poterne apprezzare gli scatti. Centinaia di cittadini hanno già percorso il viaggio fotografico realizzato da “Augusta photo freelance” e coordinato dal presidente Romolo Maddaleni, il quale ha il sogno di rendere fruibile ad un ampio pubblico la fotografia sia in forma amatoriale che professionale.

Il filo conduttore dell’apprezzata mostra sono le capitali europee. Stili diversi, soggetti differenti, molteplici tecniche e punti di vista eterogenei che interpretano la sesta arte. Colori e ombre che rendono l’istante decisivo in continuo movimento.

Siamo sempre pronti ad accogliere e indirizzare chiunque abbia voglia di avvicinarsi alla sesta arte – ci riferisce Maddaleni –. Le foto esposte, sono il risultato di quest’ultimo anno di lavoro e vogliono essere un invito a tutti coloro che sono incuriositi dalla fotografia. Infatti, la nostra associazione offre dei corsi propedeutici per neofiti e con i nostri laboratori offriamo il supporto tecnico accompagnato da un bagaglio di esperienze sul campo”.

Per Apf, si chiude un anno in cui si è registrata anche l’importante collaborazione al concorso fotografico per il calendario e il libro fotografico dell’associazione “Sulidarte”, presieduta da Elena La Ferla, nel quale non solo Maddaleni figura con un suo scatto, ma in cui anche altri soci Apf, selezionati tramite il concorso aperto agli amatori, si sono guadagnati l’onore di entrare a farne parte accanto a grandi nomi della fotografia augustana.

Sarà per il mare e il sole che si baciano generando riflessi sulle creste delle onde, ma questa città sforna occhi sensibili dall’anima calda.

Marcello Marino


In alto