News

Un’augustana progetta il robot che gioca con gli animali domestici

AUGUSTA – “Eva” è il nome di un dispositivo robotico ideato e realizzato da Virginia D’Augusta, ventiseienne augustana, ex studentessa del Liceo scientifico “Saluta”, oggi laureanda magistrale in Design computazionale all’Università di Camerino. Si tratta di “un gioco di attivazione mentale per gli animali domestici“, come ci riferisce la creatrice, che è balzato agli onori della cronaca grazie alla presentazione alla quinta edizione della Maker Faire Rome, fiera europea dell’innovazione tecnologica nella capitale.

Il robot rileva la presenza del cane e inizia a muoversi e a emettere suoni, facendo giocare l’animale domestico. Quindi si arresta, uno dei led si accende, e, se il cane poggia la zampa sul tasto corretto, il robot rilascia un croccantino come ricompensa.

Il progetto, creato in due mesi, è stato concepito nell’ambito del corso di Principi di robotica dell’università maceratese e il prototipo, come ci informa la ventiseienne augustana, è in fase di perfezionamento affinché possa realizzare il sogno di vederlo, un giorno, “entrare nelle case degli italiani”.


In alto