Gazzetta TV

Videoclip della band augustana Mka, il “buon Natale” ironico e anticonformista

AUGUSTA – La cover di un celebre pezzo di fine anni Novanta dei Backstreet Boys, I want it that way, per invitare a riflettere sul valore dello scambio degli auguri natalizi, ormai ridotti a sequele infinite di sms e whatsapp tramite smartphone o frasi preconfezionate nei fugaci incontri per le strade cittadine. L’idea è dei tre giovani augustani, appassionati di musica e legati da amicizia, Franco Amara, Mirko Pugliares e Andrea Zanti, che esattamente quattro anni fa misero in piedi il progetto “MKA”, acronimo nato dalle iniziali dei loro nomi o soprannomi, e che ad ogni Natale producono una composizione che susciti sorriso e riflessione.

Hanno deciso di concedersi un momento di leggerezza e goliardia, canzonando auguri virtuali e stereotipati, proprio attraverso la forma più inflazionata del periodo, la canzone natalizia, intitolandola XSMS, con chiara allusione al Christmas, il Natale, e agli sms che hanno probabilmente snaturato il modo di approcciarsi a ridosso della festività. E il videoclip, girato tra Augusta, Brucoli e Catania e prodotto da Vittorio Cipriano, registra a meno di 24 ore dalla pubblicazione su youtube oltre mille visualizzazioni.

Per esorcizzare quel rito forzoso dello scambio di regali e, appunto, di ricercate formule augurali, con un appello indiretto a un ritorno al valore effettivo della ricorrenza religiosa, i tre hanno rivisitato musica e testo del pezzo della storica boy band. L’arrangiamento delle musiche e la registrazione degli strumenti sono stati affidati ad Andrea Zanti, studente 27enne, musicista poliedrico e molto attivo nel panorama musicale locale e non, alle prese con chitarre, bassi, tastiere e strumenti a fiato; i testi, così come le voci, sono stati curati da Franco Amara, 25enne, nella vita addetto alle vendite nell’azienda di famiglia, con la passione per la musica, e a Mirko Pugliares, 28enne, di professione responsabile IT, che si occupa solitamente delle rime e delle parti rap all’interno dei brani occupandosi inoltre delle delicate fasi di mixaggio e mastering del brano in studio di registrazione.

Il brano ha una melodia molto orecchiabile e trascinante – afferma Zanti – che si presta bene al tema del Natale. Il format è sempre lo stesso: dopo aver scelto il brano, io creo la base da zero e registro gli strumenti, Franco compone il testo delle strofe e del ritornello e le canta, Mirko si ritaglia uno special con le sue rime per poi mixare il tutto. È un bel lavoro di squadra… e io sono un po’ quello che prepara la tela da dipingere”.

Si tratta della quarta canzone natalizia consecutiva, aspetto su cui Amara commenta: “Ripetersi non è facile. Cerchiamo sempre di migliorare il nostro stile, di affinare le tecniche di registrazione acquistando di tanto in tanto anche strumentazione nuova e qualitativamente superiore”.

Amara e Pugliares, infine, intendono evidenziare la chiave di lettura in positivo di quest’ultima uscita, a loro dire, finalizzata ad abbattere le ipocrisie affinché si possa guardare al Natale come a un momento di bontà, di aggregazione e soprattutto di amore sincero verso il prossimo, da vivere, manifestare e diffondere durante tutti i mesi dell’anno.

Ecco il videoclip.


In alto