- La Gazzetta Augustana - https://www.lagazzettaaugustana.it -

Agnone Bagni, tartaruga Caretta caretta morta sull’arenile. Ape: “Uccisa da un uomo”

AUGUSTA – È stato ritrovato sabato mattina sull’arenile di Agnone Bagni, frazione di Augusta, il corpo senza vita di una tartaruga Caretta caretta. La drammatica scoperta è di Ilaria Fagotto, della Lega antispecista italiana, che ha anche allertato la forestale.

Dopo essere stata ferita alla testa, è stata lasciata morire sull’arenile“. Questa la denuncia di Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza popolare ecologista (Ape), spiegando che “la tartaruga marina non presenta segni di predazione sul corpo: è evidente la sua morte è da ricondurre all’azione dell’uomo“.

Pertanto chiede alle autorità competenti di “fare piena luce su quanto accaduto individuando al più presto l’autore di questo atto di bracconaggio“. “Accanirsi barbaramente contro una creatura innocua e indifesa è un gravissimo gesto di inciviltà – aggiunge – che evidenzia la pericolosità sociale dell’individuo. Siamo davanti a un vero e proprio crimine contro una specie già minacciata dall’inquinamento delle microplastiche, purtroppo, il nostro ordinamento non punisce adeguatamente chi si macchia di simili reati“.

Da parte del portavoce di Ape è arrivata anche una sollecitazione al governo nazionale in merito a un paio di disegni di legge che “rafforzerebbero le tutele per i nostri amici animali“, poiché a suo dire “l’inasprimento delle pene per atti gravi ancora non adeguatamente perseguiti è un argomento che da troppo tempo viene nei fatti ignorato“.