- La Gazzetta Augustana - https://www.lagazzettaaugustana.it -

Augusta, Intercultura, otto studenti stranieri alla scoperta della città per la “settimana di scambio”

AUGUSTA – È in corso la “Settimana di scambio”, precisamente dal 23 al 30 marzo, dedicata agli studenti stranieri in Italia con Intercultura, iniziativa che anche ad Augusta si rinnova annualmente a cura dei volontari dell’associazione nazionale per offrire la possibilità alle famiglie augustane di “aprire la propria porta di casa al mondo”, come affermano gli stessi volontari.

Sono infatti arrivati in città otto studenti stranieri, che stanno attualmente trascorrendo il loro anno di studio e di vita con Intercultura in una diversa parte dell’Italia, lì ospitati da famiglie volontarie del circuito Intercultura e frequentanti una scuola pubblica insieme ai coetanei italiani.

Incontri che cambiano il mondo” è il titolo della Settimana di scambio pensata dai volontari di Augusta per permettere a questi giovani che sarebbero doppiamente ambasciatori, del loro Paese natio e della città italiana che li ospita per l’anno di studio, di conoscere un nuovo volto dell’Italia, Paese poliedrico nella cultura, usi, costumi, paesaggi, gastronomia e per questo particolarmente agognato dagli studenti stranieri.

L’argentina Sofia, la messicana Marianna, la turca Deniz, la danese Tora, la francese Ornella, la cilena Arlette, l’indiana Simran e l’indonesiano Shalih saranno guidati alla conoscenza del territorio siciliano non solo dai volontari di Intercultura, ma anche da “guide turistiche” molto speciali, cioè i loro coetanei stranieri che stanno attualmente trascorrendo l’anno scolastico interculturale proprio ad Augusta: Madoka dal Giappone, Deborah dal Messico, Aaron dagli Stati Uniti, Farras dall’Indonesia, Panchita dalla Thailandia e Rodrigo dal Messico.

Una parte importante della Settimana di scambio sarà dedicata agli incontri organizzati dalle scuole del territorio, che dimostrano così di essere sempre in prima linea nel desiderio di proseguire a lunghi passi nel processo di internazionalizzazione, offrendo ai propri studenti la possibilità di conoscere culture diverse. “Alla base del progetto educativo di Intercultura – spiega Brigida Stano, responsabile Intercultura dei programmi all’estero sul territorio di Augusta – c’è la consapevolezza che lo scambio studentesco sia lo strumento privilegiato di apprendimento interculturale. La settimana di scambio ne moltiplica l’impatto e la portata, perché riesce ad avvicinare e a coinvolgere un numero sempre maggiore di famiglie e scuole del territorio interessate, a sviluppare conoscenze e strumenti che li aiutino a vivere in un mondo sempre più connesso e globalizzato”.

Ieri mattina la classe 3ªAT dell’Istituto superiore “Arangio Ruiz” ha ospitato gli otto studenti stranieri della Settimana di scambio, organizzando quiz interculturali e attività che hanno reso possibile un dialogo e stimolato curiosità da parte degli alunni riguardo le tradizioni e le differenti culture. Gli alunni hanno presentato ai loro ospiti un video sulle bellezze paesaggistiche, architettoniche e gastronomiche di Augusta e al tempo stesso hanno scoperto la cultura, i piatti tipici, la quotidianità di adolescenti come loro, che vivono in continenti diversi, guardando così il mondo da un altro punto di vista.

Un altro importante momento per gli otto studenti stranieri è stato l’incontro di ieri pomeriggio con il sindaco Cettina Di Pietro, nel salone di rappresentanza “Rocco Chinnici” del palazzo municipale (nella foto in evidenza). Dopo averli accolti e dato il benvenuto a nome della città di Augusta, il primo cittadino ha conversato con i ragazzi, che hanno raccontato di apprezzare molto l’Italia, ed ha sottolineato l’importanza di simili iniziative di interscambio.

Sarà una settimana divisa tra le attività interculturali a scuola e le visite dei luoghi più belli di Augusta e di alcune mete turistiche della Sicilia orientale, Taormina, Catania, Siracusa, Noto. Gli incontri a scuola proseguiranno domani all‘istituto comprensivo “Todaro” e venerdì al Liceo “Megara”.