News

Augusta, il Museo della Piazzaforte al tempo del Covid

AUGUSTA – Riceviamo e pubblichiamo dall’avvocato Antonello Forestiere*, direttore onorario del Museo della Piazzaforte, una sua nota sulla istituzione culturale del Comune di Augusta durante la lunga fase critica dell’emergenza Covid.

Non diversamente da tutto il resto, l’emergenza Covid si è abbattuta anche sul Museo che, per via dei vari provvedimenti governativi, non ha potuto fare altro che restare ininterrottamente “chiuso al pubblico” sin dagli inizi di marzo del corrente anno. Dopo la pausa estiva (nella quale il Museo resta normalmente chiuso sino alle metà di settembre), si è prudentemente scelto, di concerto con l’Amministrazione comunale, di ritardare ancora qualche settimana l’apertura settimanale del sabato per raggiungere un periodo di assoluta sicurezza per i visitatori, molti dei quali costituiti da scolaresche e gruppi organizzati. Ed invece, ironia della sorte, il Covid sembra adesso ritornato un poco ovunque e, purtroppo, con  numeri mai visti sin’ora anche ad Augusta. Pertanto, mettendo sempre la sicurezza al primo posto, il Museo per ora continua a rimanere chiuso. Chiuso “al pubblico” ma non alle svolgimento delle attività interne, con l’eccezionale concessione ad alcune importanti visite straordinarie, sempre effettuata a porte chiuse, nel massimo rispetto delle misure di distanziamento e prevenzione dal virus.

Sotto il primo aspetto, la Direzione, coadiuvata da un collaudato drappello di indomabili e “storici” Collaboratori, ha provveduto alla costante manutenzione generale dei locali ed alla sistemazione dei nuovi cimeli che sono entrati a fare parte della collezione, frutto di donazioni di augustani dall’alto senso civico e più che innamorati della loro città, mai interrotte nemmeno durante questa fase Covid. Negli spazi oramai assai ridotti delle sale disponibili si è continuato a provvedere ad una sempre più razionale sistemazione delle vetrine, garantendo sempre la buona visione dei materiali esposti e la loro manutenzione. Il che non è poco, considerando che proprio dopo l’estate la collezione ha tagliato il traguardo dei settecento pezzi in carico (erano duecentocinquanta quando il Museo era sito sino negli Anni novanta negli spazi allora “immensi” del bastione San Giacomo al Castello Svevo). In particolare si sta portando a termine proprio in queste settimane la struttura espositiva che custodirà i cimeli delle recenti donazioni Morana ed Artoni. Al contempo, la Direzione sta provvedendo con la preziosa collaborazione della Issa al rifacimento in materiale durevole di alcuni datati pannelli espositivi di fotografie su cartoncino (già copie al tempo degli originali) oramai ammalorati dopo oltre trent’anni, realizzati da Tullio Marcon con riproduzioni tratte da foto e documenti della sua ricca collezione privata.

Oltre alla presenza su invito ad alcuni eventi dell’Associazione Lamba Doria, dell’Archeoclub e della Società Augustana di Storia Patria, per quanto riguarda le visite straordinarie richieste alla Direzione, si può affermare con legittimo orgoglio che queste siano state il termometro di quanto sia apprezzato il Museo e l’attività onoraria di quanti vi si dedicano anima e corpo, ben al di là di quello che è chiamato “tempo libero”. Dopo la chiusura totale da marzo a giugno, il Museo è stato visitato a fine luglio dal C.A. Placido Torresi, Comandante delle Forze Aeree della Marina Militare, accompagnato dal C.A. Andrea Cottini. Agli inizi di ottobre è venuto in visita (per la seconda volta) il Comandante dell’Esercito in Sicilia, Gen. Div. Maurizio Scardino (nella foto di copertina), augustano, che ha recato in dono alla collezione un proprio pregevole crest della corazzata R.N. Cavour ed, a nome dell’Esercito, un dipinto con una rappresentazione pittorica dell’Hangar di Augusta nel periodo bellico, realizzato da uno studente di un Istituto scolastico di Lentini partecipante alla Mostra indetta del Comando Militare Esercito di Palermo sul tema “La Sicilia nella Grande Guerra”, evento dove pure il Museo è stato presente con un’esposizione realizzata dal XII Istituto Comprensivo “Brancati” di Siracusa. Nel corso della visita, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Giuseppina Sirena, il Gen. Scardino ha consegnato due Medaglie Mauriziane con Diploma al Merito di dieci lustri di carriera militare ai Colonnelli in quiescenza Rosario Peluso, da Modica, ed Alfio Di Stefano, da Lentini.

inserzioni

Infine, il 16 ottobre si è recato in visita al Museo il Governatore del Distretto 2110 Sicilia-Malta del Rotary Alfio Di Costa, accompagnato dal co-Segretario Distrettuale Giuseppe Pitari, dall’Assistente del Governatore Walter Guarrasi, dal Presidente del Club di Augusta Ernesto Cannella, dal Segretario Giuseppe Tringali, dalla Presidente del Rotaract Rossella Messina e da alcuni Officer rotariani tra cui il Past Governatore Concetto Lombardo. La visita è proseguita in Piazza Castello dove il Direttore ha illustrato i cimeli appartenenti alla collezione del Museo ivi esposti nell’area della Polizia di Stato (elicottero della M.M., un siluro G7e tedesco per sommergibili, artiglierie, mine, zattera carley) soffermandosi sul Monumento ai Caduti dell’Aviazione di Marina, di sua ideazione, poi realizzato ed ivi posto dal Rotary Augusta nel 2011.

Il Museo “più piccolo del  mondo”, così come mi piace chiamarlo per via degli spazi provvidenziali ma ristretti che lo ospitano dal 2012 in Municipio, continua così a vivere ed a portare alto il  nome di Augusta anche nel tempo disgraziato del Covid.

Noi continuiamo a lavorare, in silenzio, con amore, a salvaguardia della storia, per quanto di nostra specifica competenza, della nostra ancora bella Città.

Antonello Forestiere*

*Direttore onorario Museo della Piazzaforte – Consulente Stato Maggiore Marina Militare


archeoclubmegarahyblaea
In alto