Archivio

“Vuoi trasgredire? Non farti!”. In programma tre incontri con studenti e genitori

giorgia-benusiglio-vuoi-trasgredire-non-fartiAUGUSTA – Tre incontri di informazione e formazione sulla prevenzione giovanile nell’ambito delle sostanze stupefacenti. Ospite d’eccezione Giorgia Benusiglio, trentenne milanese che dal 2007 dedica la sua quotidianità a raccontare ai più giovani la personale esperienza legata al mondo delle droghe, per le quali, ancora adolescente, rischiò di rimetterci la vita.

Il nome dell’evento riprende il titolo del libro di Giorgia Benusiglio, “Vuoi trasgredire? Non farti!”, pubblicato nel 2010 per accompagnarla in tutta Italia a supporto di una battaglia di interesse multigenerazionale. A promuovere l’iniziativa l’associazione genitori e figli “Unitevi a noi”, in collaborazione con l’associazione di promozione sociale “Musmea“, due realtà cittadine che hanno reso possibile la campagna di sensibilizzazione legata alla consapevolezza dell’efficacia della testimonianza diretta.

Sarà infatti la testimonianza di una giovane che racconta la propria storia per evitare che altri giovani commettano gli stessi sbagli, rovinandosi la vita. Giorgia Benusiglio, coraggiosamente e generosamente, metterà a nudo se stessa e le proprie debolezze per insegnare anche che si può cadere e rialzarsi perché la vita è troppo preziosa per essere sprecata.

Parlerà dei comportamenti a rischio in adolescenza, che sono fondamentali per la costruzione dell’identità stessa dei ragazzi, e spiegherà come, ricercando fattori di protezione, si possano mettere in atto comportamenti funzionalmente equivalenti che non siano però pericolosi e distruttivi per l’adolescente stesso.

inserzioni

Raffaele Stefanelli, dj e speaker della web radio dell’associazione “Musmea”, racconta: “Abbiamo avuto ospite telefonica Giorgia durante una nostra diretta in radio e siamo rimasti colpiti dalla sua storia; così ho contattato Antonio Caruso dell’associazione genitori e figli, che ha subito sposato l’idea di portare Giorgia nelle scuole ad Augusta“.

Antonio Caruso, dell’associazione genitori e figli “Unitevi a noi”, afferma: “La nostra associazione da anni è in prima linea nel sensibilizzare i giovani al rispetto della propria vita e grazie alla testimonianza di Giorgia speriamo di far comprendere ai ragazzi i danni causati dall’uso di alcol e droga“.

Teatro degli incontri sarà l’Aula magna dell’Itc “Arangio Ruiz”, dimostrazione dell’importante impegno profuso dagli istituti scolastici augustani sul fronte della prevenzione delle dipendenze, aprendo per l’occasione alla cittadinanza giovedì alle ore 9 e alle ore 17 e sabato alle ore 10.

 


inserzioni inserzioni
In alto