Archivio

Faro di Brucoli, ecco il progetto di valorizzazione

Faro di Brucoli inserito nel progetto dell'Agenzia del Demanio "Valore Paese"

Faro di Brucoli inserito nel progetto dell'Agenzia del Demanio "Valore Paese"AUGUSTA – L’attività di valorizzazione del Faro di Brucoli va ben oltre la visita guidata fissata dall’Agenzia del Demanio, nell’ambito del progetto “Valore Paese – Dimore”.

Sulla scorta del decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004, in particolare all’art. 112, neanche quattro mesi fa viene stipulato un protocollo d’intesa, pubblicizzato poco o nulla, tra l’allora commissario straordinario Maria Rita Cocciufa, per il Comune di Augusta, e il direttore regionale Elia Amedeo Lasco, per l’Agenzia del Demanio, della durata di due anni, senza alcun onere finanziario per le parti.

Il documento prevede che nella fase di avvio l’Agenzia si impegni a curare lo svolgimento di tutte le attività propedeutiche alla definizione del programma di valorizzazione. E che nella fase successiva di esecuzione dell’azione si impegni a fornire il necessario supporto tecnico all’attuazione e al completamento dell’iter di valorizzazione, fino all’immissione dell’immobile sul mercato, tramite ad esempio concessioni di valorizzazione, cessioni di diritto di superficie, aste online, fondi immobiliari.

Nello stesso documento si prevede che il Comune si impegni a garantire la piena conformità del programma di valorizzazione con le previsioni dei vigenti strumenti di pianificazione urbanistica, assicurando la compatibilità delle destinazioni d’uso derivanti dall’iter di valorizzazione con la situazione urbanistica dell’immobile.

inserzioni

Quindi la giornata di visite al Faro di Brucoli rappresenterebbe non un epilogo bensì un’iniziativa di un progetto di valorizzazione più ampio. Tant’è che, per l’attuazione degli impegni assunti, il protocollo d’intesa prevede la costituzione di un Tto, ovvero un Tavolo tecnico operativo, del quale al momento non si avrebbe notizia. L’importanza del Tto sta nel fatto che il protocollo d’intesa gli riconosce facoltà di ampliare il portafoglio immobiliare, che, oltre fari, torri ed edifici costieri, potrebbe annoverare immobili di enti pubblici, sempre ricadenti nel territorio di Augusta, di rilevante interesse storico-artistico.

Intanto il 15 e 16 settembre prossimi, nelle fasce orarie 11 – 13 e 15 – 17, i cittadini di Augusta avranno l’occasione di apprezzare con una guida, anche se solo dall’esterno, il Faro della rinomata frazione turistica. Si ricorda che la visita non è consentita ai minorenni né agli animali domestici. È necessario effettuare il pre-accredito inviando una e-mail, con allegati copia della liberatoria firmata e copia del documento di riconoscimento, entro e non oltre l’11 settembre agli indirizzi di posta elettronica indicati sul sito istituzionale.

 


scuolaopenday
In alto