News

Augusta, aderiscono alla Società augustana di storia patria mezza giunta e studiosi di Melilli

AUGUSTA – La Società augustana di storia patria, nel numero aggiornato dei soci, ben 510, annovera adesso anche 15 soci del vicino comune di Melilli. “Grazie al nostro socio fondatore Gabriele Massimiliano Ragusa, melillese, dottorando di ricerca presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Macerata e dal mese di gennaio 2021 vicepresidente della nostra Società“, sottolinea il presidente del sodalizio, Salvatore Romano (nella foto di repertorio in copertina, ndr).

Il piccolo gruppo di amici del vicino centro ibleo interessato alle attività divulgative della nostra Società annovera dal 2018 anche il prof. Paolo Magnano, autore di saggi storici dedicati a Melilli – ricorda Romano – che ha pubblicato nel numero 4/2019 del nostro Bollettino, l’articolo su Max Corvo nato ad Augusta e cittadino statunitense, che da militare nei servizi segreti Usa ebbe un ruolo di primaria importanza nella preparazione dello sbarco degli Alleati in Sicilia sul finire del Secondo conflitto mondiale“.

Di questi giorni, invece, sono le adesioni al sodalizio culturale augustano di mezza giunta comunale di Melilli, dal sindaco Giuseppe Carta, all’assessore al Turismo Rosario Cutrona, all’assessore alla Cultura Teresa Santangelo, oltre che del prof. Giuseppe Immè, storico dell’arte, e di don Giuseppe Blandino, parroco augustano della basilica di San Sebastiano a Melilli. “La loro adesione – afferma il presidente Romano – testimonia l’attenzione verso il nostro patrimonio storico culturale di prossimità e prova che la nostra Società augustana di storia patria desta interesse anche extramoenia, per qualità del lavoro svolto fino ad oggi“.

Nel ringraziare e dare un particolarissimo e indistinto benvenuto agli amici melillesi – conclude – auspichiamo per il prossimo futuro la realizzazione di eventi e iniziative in cui poter affrontare e condividere assieme quei temi di carattere storico culturale che accomunano le nostre due vicinissime città“.


In alto