Cronaca

Augusta, aggredito e ferito da ignoti sotto il cavalcaferrovia alla Borgata

AUGUSTA – Suscita un certo clamore la notizia dell’aggressione immotivata ai danni del 53enne Salvatore Galati, noto in città nella veste di cantante amatoriale, avvenuta la sera di sabato 3 aprile su via Catania, sotto il cavalcaferrovia del viadotto Federico II. Un grave episodio, oggetto di querela contro ignoti sporta lunedì mattina presso la stazione dei carabinieri da parte dell’uomo, che nell’immediato ha avuto necessità di ricorrere alle cure del pronto soccorso del “Muscatello”.

Secondo quanto riferisce il denunciante, verso le otto di sera del sabato Santo, in piena “zona rossa” nazionale, era uscito per una passeggiata in bicicletta, quando, passando proprio da via Catania, sarebbe stato improvvisamente aggredito da due giovani, che stavano lì seduti indossando la mascherina protettiva, in un’oscurità tale che non si era accorto di loro. Riferisce che uno dei due aveva una bottiglia di birra con cui ha cominciato a colpirlo in faccia, sulla testa e sul busto. Caduto a terra, dalla bici, i due lo avrebbero colpito a calci e a pugni su tutto il corpo.

Ho gridato, cercato aiuto, ma nessuno è venuto, e, nonostante le urla, i due hanno continuato a colpirmi, mentre mi chiudevo a riccio e con le braccia mi coprivo la testa, per parare i colpi, finché i due se ne sono andati a piedi”, racconta Galati, aggiungendo che a seguito dell’episodio non ha più ritrovato il proprio cellulare.

Salvatore Galati è stato poi soccorso e portato in ambulanza all’ospedale “Muscatello”, dov’è stato ricoverato per tutta la domenica di Pasqua. È stato dimesso con prognosi di trenta giorni. I medici hanno diagnosticato “contusione polmonare, frattura ossa nasali e setto nasale, infrazione di c4 profilo corticale antero-superiore, infrazione terza e quarta costola sinistra, emorragia sottocongiuntivale occhio destro”.


In alto