PUBBLICITÀ ELETTORALE
News

Presentati i direttori e comitati di gestione dei musei cittadini e la commissione di storia patria

AUGUSTA – Presentati ieri pomeriggio, lunedì 9 ottobre, in una conferenza stampa tenutasi nel salone “Rocco Chinnici” del Municipio, i vertici delle istituzioni culturali della città, a due anni esatti dalla pubblicazione dei primi bandi, poi nuovamente redatti e pubblicati un anno fa a seguito dell’approvazione dei regolamenti comunali in materia di organizzazione e gestione dei musei civici.

Un lungo iter che ha portato a due riconferme, con Simona Sirugo alla guida del Museo civico e Antonello Forestiere alla direzione del Museo della Piazzaforte. Per la presidenza della Commissione comunale per il piano di studi di storia patria, in capo a Giuseppe Carrabino fino all’interruzione delle attività a causa del summenzionato iter comunale, è stata disposta la riapertura dei termini di presentazione delle candidature, come aveva riferito il sindaco Di Pietro lo scorso mese, poiché sarebbe stata presentata una sola domanda ma dopo la data di scadenza. Oltre alla stessa Commissione, sono stati nominati i comitati di direzione dei due musei.

Il sindaco Cettina Di Pietro, evidenziando la gratuità di tutti gli incarichi, ha commentato: “È sempre bello vedere delle persone che con puro spirito di liberalità spendono il proprio tempo e le proprie competenze per amore di ciò che si fa“. Mentre, in merito alla commissione di valutazione (composta dal primo cittadino, dal segretario generale Alberto D’Arrigo, dall’assessore alla Cultura Giusy Sirena e da Beatrice Basile, già soprintendente ai Beni culturali di Siracusa) che ha proceduto alle nomine, ha sottolineato: “Abbiamo voluto apportare delle modifiche nelle modalità di selezione con la collaborazione di un soggetto tecnico esterno, la dott.ssa Basile della Soprintendenza ai Beni culturali”.

Ha riconosciuto che tutte “le difficoltà legate all’aspetto economico permangono”, ricordando che il Comune si trova ancora in dissesto finanziario. “Però abbiamo le nuove forme di bilancio armonizzato, e intenzione nel limite del possibile di dare alla cultura sicuramente un po’ di ossigeno”, ha voluto assicurare.

L’assessore alla Cultura Giusy Sirena, che aveva nei giorni scorsi ribadito la necessità di avere “regolamenti in linea con la normativa vigente”, in particolare sul fronte della gestione amministrativa, ha quindi precisato che i tre organi culturali “dal momento dell’approvazione del regolamento sono incardinati nel settimo settore, del servizio che si occupa della cultura, così da dare un’impostazione giuridica corretta; perché né i musei né la commissione di storia patria hanno al momento personalità giuridica”.

Poi il riconfermato direttore del Museo della Piazzaforte, Antonello Forestiere, ha sottolineato che con il nuovo comitato di direzione si intende “continuare a fare quello che non abbiamo mai cessato di fare in questi due anni“, tra cui ha menzionato la continua “raccolta di cimeli, dedicandoci sempre di più a ricercare materiale di maggiore qualità e interesse“, ricordando di aver recentemente esteso il “settore di ricerca e di studio, che guarda ancora di più al passato: medievale e rinascimentale”. Questo il comitato di direzione su cui potrà contare: Sebastian Brusca, Domenico Collorafi, Carmelo Randone e Vittorio Sardo.

Simona Sirugo, anch’ella riconfermata alla guida del Museo civico, che però attende ancora di vedere la luce, ha esposto le priorità, principalmente di natura burocratica, per riprendere un percorso in sospeso da alcuni anni: “Puntando sulle ricchezze e sulle peculiarità del territorio, verrà avviato un progetto di trasformazione dell’istituzione museale in ecomuseo. Approvato dalla Commissione straordinaria già nel 2014, riparte oggi con l’intento di sviluppare un prodotto di eccellenza sul territorio, che trova un forte riscontro sul territorio regionale, in base alla legge n. 16 del 2 luglio 2014 con cui si istituiscono, di fatto, gli ecomusei della Regione Siciliana. Pertanto l’obiettivo è quello adottare le linee guida, portare a compimento l’iter burocratico che permetterà di ottenere il riconoscimento di ecomuseo”. Nel direttivo del Museo civico sono stati nominati Maria Giuliano, Gaspare Lodato, Chiara Scafiri e Giuseppina Guendalina Sciascia.

A margine della conferenza stampa, è intervenuto Giuseppe Carrabino, che, a quasi due anni dall’ultima uscita pubblica nella qualità di presidente della Commissione comunale di storia patria (in occasione dell’apprezzato numero 35 del “Notiziario storico di Augusta”), ha voluto ricordare “le attività che sono state svolte con l’impegno e con l’apporto non solo degli amici componenti della commissione ma soprattutto di quelle competenze professionali dei docenti dell’Università di Catania che ci hanno onorato della loro collaborazione”. In attesa della prossima selezione del presidente, sono stati nominati nella Commissione, oltre allo stesso Carrabino, Enrico Catalano, Maria Stella Gianino, Giampiero Lo Giudice, Carla Ortisi, Salvatore Romano, Chiara Scafiri, Giuseppina Guendalina Sciascia, Simona Sirugo e Maria Concetta Vaccaro.


PUBBLICITÀ ELETTORALE
In alto