Politica

Settipani resta consigliere comunale, il nuovo meetup “abbandona” il M5s

AUGUSTA – Nuovo colpo di scena nella politica cittadina. Il meetup “Augusta 2.0”, con una nota a firma dell’organizzatore Giuseppe Schermi, rende noto questo lunedì mattina di aver deciso di “abbandonare il M5s“, comunicando contestualmente la clamorosa retromarcia di Nilo Settipani, che aveva presentato a mezzo Pec le dimissioni da consigliere comunale, respinte per il vizio di forma contestato in occasione dell’ultima seduta consiliare.

Settipani, si spiega nella nota, “continuerà il proprio impegno in Consiglio e non ripresenterà le dimissioni che gli sono state respinte“.

Pare che la scelta sia dovuta al clima di tensione politica instauratosi in città ma anche a un recente confronto dialettico con il sindaco pentastellato Di Pietro avvenuto in occasione del sit-in per l’ospedale “Muscatello”: “La decisione è frutto di un fine settimana in cui non solo gli appelli del Presidente del Consiglio ad abbassare i toni sono caduti nel vuoto ma per di più il Sindaco ci ha dichiarato che, pur avendo pronta la risposta alla nostra interrogazione consiliare sul depotenziamento del Muscatello, questa non viene ancora discussa in Consiglio a causa della presenza del simbolo M5s sul foglio“.

Nella nota si chiarisce la posizione che verrà assunta anche nel civico consesso: “Poiché crediamo che prima dei simboli vengano i cittadini, il nostro portavoce continuerà la propria azione politica come sempre nel gruppo misto, ma senza simboli. Con queste precisazioni tutte le interrogazioni e mozioni già presentate dal consigliere Nilo Settipani rimangono pienamente valide e pertanto sollecitiamo la presidente Lucia Fichera alla calendarizzazione in Consiglio“.

Queste le istanze del meetup che attendono di essere discusse in aula: interrogazioni su depotenziamento del “Muscatello”, mancata bonifica da amianto nel centro abitato, consulenze per 33 mila euro pagate all’Organismo di valutazione dei dipendenti, e una mozione per la rottamazione dei tributi locali.


In alto