Archivio

Annunciata associazione socio-culturale “Progettiamo insieme”

progettiamo-insieme-associazione-augustaAUGUSTA – È una fase storica in cui i cittadini augustani avvertono l’esigenza di tornare a organizzarsi, di superare l’individualismo e di provare “dal basso” a fare sistema. In questo caso rifiutando la forma partito, ritenuta da più parti poco funzionale e incapace di dare risposte.

In una sede nella centrale via Principe Umberto, è stata presentata lunedì sera la nascente associazione di carattere socio-culturale chiamata “Progettiamo insieme“. Il fine pare già indicato nel nome, evidenziando la vocazione tecnica e l’intenzione di coinvolgere altre realtà associative già operanti nel territorio.

Rispettando in apertura di conferenza stampa un minuto di silenzio per ricordare la recente scomparsa di stretti familiari di due diversi componenti del gruppo, si sono presentati un nutrito numero di professionisti, commercianti, artisti annunciando l’imminente costituzione dell’associazione.

In attesa di definirne l’organigramma, alcuni dei promotori hanno spiegato le ragioni dell’iniziativa.

inserzioni

Alessandro Scuderi ha esordito: “L’idea dell’associazione nasce durante l’ultima tornata elettorale, quando ci siamo accorti che ad Augusta tante cose devono cambiare se vogliamo che ritrovi identità e dignità“. Per Scuderi, la politica avrebbe fallito e, come nel menzionato modello tedesco, sarebbero ormai i privati a mettersi insieme per produrre progetti da offrire al settore pubblico.

Poi l’intervento pratico e diretto di Lucia Di Vita, commerciante desiderosa di spendersi per la propria Città. Per lei, “Augusta vale tanto ma è troppo sminuita sotto ogni aspetto“. Quindi l’intenzione di provare a ripartire dalle sinergie di quartiere, come sta avvenendo tra i commercianti del centro storico.

A seguire, l’intervento di Marco Bertoni, con una vita alle spalle nel mondo dello spettacolo: “Intendiamo organizzare delle sagre importanti, valorizzare l’estate nelle località turistiche di Brucoli e Agnone, promuovere un festival del cinema e supportare quello già affermato dei cortometraggi; si dovrà ripartire anche dal sociale e dalla collaborazione con le attività di prevenzione della Protezione civile“.

Infine, Fortunato Spucches ha spiegato che il cuore dell’associazione saranno le commissioni di lavoro per settore, che coinvolgeranno in particolare giovani professionisti tra i 25 e i 30 anni, pronti a redigere dei progetti utili alla Città. Ha concluso con un appello: “Mi rivolgo non solo ai giovani, ma a tutti i nostri concittadini che lamentano che non si vuole o non si può fare niente: “Progettiamo insieme” c’è e attende i volenterosi per invertire la tendenza“.

Nel corso della conferenza stampa, si è presentata anche Stefania D’Agostino, vicepresidente del centro antiviolenza “Nesea”, una realtà di giovani professioniste augustane dedite alla tutela delle donne e dei minori, già coinvolta in un prossimo evento di sensibilizzazione sul tema fissato per il 30 novembre.


scuolaopenday
In alto