Pubblicità elettorale

News

Augusta, nasce l’Associazione forense megarese. Riuniti per la prima volta oltre la metà degli avvocati in città

AUGUSTA – Apolitica e apartitica. Saranno le due caratteristiche più importanti dell’Associazione forense megarese, che si è costituita ad Augusta e che è stata presentata ieri alla stampa nel corso di un incontro tenuto all’hotel “Capo Campolato” di Brucoli.

A spiegare finalità e obiettivi è stato il presidente Puccio Forestiere, seduto al centro del tavolo di rappresentanza, dal quale hanno interloquito con i cronisti anche gli altri componenti del comitato promotore, che costituisce il primo consiglio direttivo: Dario Valmori (segretario), Francesca Marcellino (tesoriere), Salvatore Terrone, Fabrizia Burgi, Rossana Busichella, Marcello Passanisi e Francesco Romeo.

Sono 63 (su un totale di 120 legali con studio ad Augusta) i soci fondatori dell’associazione che, subito dopo la pausa estiva, entrerà nella sua fase operativa, seguendo le linee guida per la quale è nata: competenza e legalità.

Il motivo principale della nascita dell’Associazione – ha detto il presidente Forestiere – è rappresentato dalla necessità di tutelare e rivendicare i diritti e i legittimi interessi della nostra categoria, migliorandola attraverso l’aggiornamento professionale. Dovremo anche battere i pugni sul tavolo, senza voler scavalcare il Consiglio dell’Ordine, su alcune problematiche che a livello istituzionale non sono adeguatamente seguite. Vogliamo dire a tutti che noi ci siamo e vogliamo contare con le nostre proposte e le nostre idee, dialogando con tutte le realtà del territorio“.

inserzioni

Nel corso della conferenza stampa è stato dedicato un minuto di raccoglimento al ricordo dell’avvocato Francesco Migneco, scomparso all’età di 89 anni pochi giorni fa.

È la prima volta che ad Augusta la maggioranza dei legali si associano per tutelare i propri interessi. “Ci si deve riconoscere la buona volontà – ha concluso Forestiere – di aver creato qualcosa di inedito, dando vita a quella che deve diventare l’associazione di tutti“.

Maurilio Abela


archeoclubmegarahyblaea
In alto