pubblicità elettorale
News

Finalmente ritirato dal Comune il cimelio della discordia destinato al Museo civico

AUGUSTA – La trancia fustellatrice d’epoca destinata al Museo civico di Augusta, dopo oltre cinque anni e la polemica scoppiata la scorsa estate tra Giuseppe Carrabino e il sindaco Cettina Di Pietro (vedi articolo), viene finalmente ritirata dal Comune. Si tratta di uno dei pochi esemplari esistenti di fabbricazione tedesca, risalente alla fine dell’Ottocento ed acquisito dalla legatoria Giummo nei primi decenni del ventesimo secolo da una tipografia dismessa di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il cimelio era stato donato nel 2012 dagli eredi Giummo al Museo civico, quale testimonianza delle antiche attività artigianali praticate nella città, ed acquisito dal direttore pro tempore Giuseppe Carrabino. Non essendo ancora disponibili l’edificio dell’ex biblioteca, che l’amministrazione Carrubba aveva destinato proprio al Museo civico, l’allora direttore aveva provveduto al ritiro, atteso che era necessario sgombrare i locali dove era ubicata la legatoria.

Per tutta una serie di motivazioni, nonostante Carrabino abbia ripetutamente sollecitato la necessità di consegnare il reperto, né la nuova Direzione del museo, né i commissari prefettizi, né successivamente il sindaco Di Pietro avrebbero risposto alla richiesta. Atteso il perdurante silenzio, nel 2017 Carrabino si è rivolto al prefetto di Siracusa, Giuseppe Castaldo, per essere sollevato dalla responsabilità della custodia di un bene che appartiene alla collettività.

Ieri si è chiusa la vicenda e ne dà notizia lo stesso Carrabino. “Ringrazio il sindaco Cettina Di Pietro per aver disposto il ritiro della trancia fustellatrice che ho gratuitamente custodito sin dal 2012 nella qualità di direttore del Museo civico – rende noto – Un grazie al signor Sebastiano Ponzio e a quanti, a vario titolo, hanno permesso la definizione di questa vicenda. Ringrazio altresì la Riap Welding Service per la preziosa collaborazione nel mettermi a disposizione i locali dove il cimelio è stato custodito in sicurezza”.

Pietra sopra, quindi, sulle polemiche burocratiche, dopo che anni fa si era fugato pure il rischio che il cimelio finisse al Museo della stampa di Trapani. Adesso si attende di capire dove e quando la trancia fustellatrice verrà esposta, come altri reperti del patrimonio materiale e culturale della città che potrebbero costituire l’attrazione dell’incompiuto Museo civico.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto