Pubblicità elettorale

News

L’attraversamento pedonale di corso Sicilia è più sicuro, nel nome di Claudia e Maria

AUGUSTA – Questa domenica mattina, in corso Sicilia, è stata inaugurato ufficialmente l’attraversamento pedonale sopraelevato deterrente di velocità acquistato grazie ai proventi di due spettacoli di beneficenza, Caffè chantant due anni fa e ‘U contra messo in scena lo scorso ottobre al teatro di “Città della notte”.

L’idea di promuovere una raccolta fondi attraverso rappresentazioni teatrali per mettere in sicurezza quell’attraversamento, funestato dalle morti della giovane Claudia Quattrocchi e della signora Maria Monterosso, è dell’associazione “Genitori e figli – Unitevi a noi” e della compagnia “Officina teatrale”, presiedute rispettivamente da Antonio Caruso e Attilio Piazza. Le due associazioni sono riuscite a raccogliere gli 8 mila euro necessari per l’acquisto della pedana sopraelevata, infine posizionata nei giorni scorsi dalla squadra lavori del Comune su disposizione della Polizia municipale, rappresentata alla cerimonia dal comandante Antonino Barbera e dagli ispettori Salvatore Ruma e Mimmo Sicuso, insieme a Paolo Cassia comandante della locale Stazione Carabinieri.

Caruso ha sottolineato che, “nonostante le critiche di qualcuno”, l’obiettivo del rallentamento dei veicoli in quel tratto stradale è stato conseguito. “Con il fondo cassa residuo – ha aggiunto – vorremmo far mettere dei fari a led, o comunque qualcosa che illumini di più il passaggio pedonale. E invitiamo l’Amministrazione ad intervenire per l’inserimento di un impianto semaforico, anche per i disabili e i non vedenti“.

Attilio Piazza, con entusiasmo ha porto un ringraziamento nei confronti di tutti coloro che hanno contribuito alla compimento della iniziativa. Una giornata, quella di oggi, “dedicata alle vittime della strada: il nostro pensiero va a Claudia Quattrocchi, Maria Monterosso e ai tanti che hanno perso i familiari in incidenti stradali“, ha detto. “Questo attraversamento pedonale – ha aggiunto Piazza – rappresenta un piccolo passo a favore della prevenzione contro queste stragi”. “La velocità è una delle principali cause di incidenti”, hanno poi sottolineato Irene Gennuso e Davide Passanisi dell’associazione “Genitori e figli”.

inserzioni

C’è stato anche un momento musicale offerto dall’associazione musicale “Diapason” presieduta da Giovanna Passanisi, con la voce di Paola Cardile, accompagnata dalla chitarra di Dario Guerrera sulle note di Meraviglioso amore mio, canzone-inno alla vita resa celebre da Arisa.

Presente all’inaugurazione la figlia di Maria Monterosso e la mamma di Claudia Quattrocchi, che ha ringraziato personalmente Caruso e Piazza per l’impegno profuso per il raggiungimento di questo obiettivo. “Questo gesto mi commuove tanto. Qui ci sono stati gli ultimi passi di mia figlia, però siamo speranzosi, andiamo avanti”, ha detto profondamente emozionata la signora Quattrocchi.

Prima del rituale taglio del nastro, la parola al sindaco Cettina Di Pietro: “Il mio profondo ringraziamento va a chi non si lamenta, ma a chi opera, a chi vede i problemi e si adopera per risolverli. Mi auguro che associazioni come le vostre, che cittadini come voi, comincino a far diventare contagioso il senso civico – ha concluso – perché se oggi siamo qui è per mancanza di rispetto delle regole”.


scuolaopenday
In alto