News

Migranti, nave Aquarius approda a Valencia. Si infittisce mistero sulla Trenton

AUGUSTA – Nave Aquarius della ong Sos Mediterranée, che per alcuni giorni è rimasta nelle acque tra Malta e la Sicilia sud-orientale con a bordo 629 migranti soccorsi al largo della Libia, è attraccata questa mattina nel porto di Valencia.

Larga parte dei migranti erano già stati trasbordati, prima di procedere alla navigazione verso il porto spagnolo, sulla nave Dattilo della Guardia costiera e sulla Orione della Marina militare, che questa mattina hanno rispettivamente aperto e chiuso le operazioni di sbarco scaglionato.

Si ricorda che, dopo la nota dichiarazione del ministro dell’Interno Salvini di “chiusura” dei porti italiani, sono rimaste al largo almeno le unità navali delle ong internazionali. Fino alla prima apertura dopo anni della Spagna, per l’Aquarius, ad opera del neo premier Sanchez. La questione scuote adesso anche il governo tedesco guidato dalla Merkel.

Da febbraio sarebbero pure cambiate le regole per l’individuazione del porto di approdo dopo il soccorso e recupero dei migranti, con il passaggio dall’operazione “Triton” (tutti gli sbarchi in Italia, fonte Frontex) a “Themis” (i Centri di coordinamento di soccorso marittimo, Mrcc, a stabilire il porto europeo di sbarco, fonte Frontex).

Nel corso della settimana appena conclusa, si era aperto un nuovo caso, da martedì 12, legato alla nave Trenton della Marina militare statunitense e alla Sea Watch 3 di una ong tedesca, generando una sequela di notizie rimaste prive di riscontri ufficiali (ad eccezione delle informazioni fornite dalla stessa ong tedesca). Tra cui, ad esempio, il presunto “abbandono” di cadaveri in alto mare da parte della Trenton per l’assenza di celle frigorifere, smentito dalla Marina statunitense (“Se necessario, le navi della US Navy sono in grado di conservare le salme in depositi refrigerati“).

Oppure, lo stazionamento della Trenton al largo di Augusta in attesa di una autorizzazione allo sbarco. È infatti questo l’ultimo comunicato ufficiale sulla vicenda del Ministero dell’Interno, nel tardo pomeriggio di venerdì 15: “Sbarcheranno in Italia i 42 migranti salvati dalla nave Trenton della Marina americana davanti alle coste libiche, superstiti di un naufragio che ha causato la morte di altre 12 persone. La Trenton arriverà in prossimità di Lampedusa domenica mattina e dall’isola si muoverà un mezzo della Guardia costiera italiana che recupererà i 42 per trasferirli in un porto ancora da assegnare“. A quanto pare, nave Trenton, dopo il soccorso dinanzi alle coste libiche, sarebbe giunta questa mattina al largo di Lampedusa. Per quanto concerne il porto di approdo per l’unità navale della Guardia costiera, non è ancora trapelato di quale si tratti.

(Fonte foto in evidenza: By Bill Mesta – This Image was released by the United States Navy with the ID 161220-N-OH262-162 (next) https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=68923618)


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto