Eventi

Pupi siciliani in mostra per raccontare ad Augusta storie di antiche gesta

AUGUSTA – Di gesta remote, antichissime leggende di amore e furore, di Orlando che perse il senno e che poi lo ritrovò e di Rinaldo che ottenne gloria per il suo grande valore in battaglia, si è tramandato e si vuole continuare a farlo ancora oggi. Storie di guerra e di religione, vite di paladini in lotta e confronto con i Saraceni sono state mostrate a partire dall’Ottocento, attraverso l’arte dei pupari, proveniente dalla Campania e poi resa usanza memorabile in Sicilia.

presentazione-opera-dei-pupi-circolo-unione-augusta-2Ad Augusta tutto ciò troverà una narrazione e un’esposizione da parte di collezionisti e costruttori di pupi siciliani. Infatti lo scorso venerdì mattina, nel salone del Circolo Unione, messo a disposizione dalla presidente Gaetanella Bruno, la stessa Bruno e Gioacchino Cacciaguerra, docente augustano che per passione costruisce pupi siciliani, hanno presentato il programma dell’imminente mostra a ingresso libero.

Sarà inaugurata martedì 3 gennaio alle ore 17,30 da un mini convegno tenuto da Nino Amico, esperto in storia e folclore di pupi siciliani, che illustrerà le origini e la storia di questo antico mestiere. Il giorno successivo la mostra resterà aperta, di mattina ore 9-12 e di pomeriggio ore 17-20, come pure giovedì 5 nella sola mattinata, essendo in programma nel pomeriggio uno spettacolo con biglietti. Venerdì 6, per l’Epifania, sarà l’ultima giornata per ammirare i pupi siciliani.

Il programma dunque si realizzerà in quattro giorni e intende coinvolgere il pubblico di ogni genere ed età. Tra i pupi esposti anche quelli della collezione del maestro puparo Biagio Foti, delle collezioni dei summenzionati Cacciaguerra e Amico, oltre ai pupi appartenenti agli appassionati collezionisti Nardo, Salamone e Scarcella.

La presidente Bruno, nel corso della conferenza stampa, ha evidenziato il ruolo di depositari della memoria collettiva dei cantori dei versi dei poemi del ciclo carolingio e le finalità pedagogiche espletate poi dai pupari in favore delle generazioni più giovani.

Concetto attualizzato da Cacciaguerra, che rivolge un pensiero proprio ai più piccoli: “Bisogna far vedere i pupi come dei giocattoli veri e propri, ma con un’anima, rispetto alla tecnologia e ai giocattoli che oggi i bambini possiedono, che paiono freddi e quasi privi di un’anima. È un’opportunità per divertirsi insieme e un modo per imparare storie antiche”.

È stato ricordato, infine, che l'”Opera dei Pupi“, quale teatro delle marionette siciliano, è dal 2008 bene protetto dall’Unesco, che lo ha dichiarato appartenente al patrimonio immateriale dell’umanità, primo patrimonio italiano ad essere annoverato in tale lista.

Alessandra Peluso


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Salvatore Pappalardo
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it

In alto