News

Turismo esperienziale, prosegue progetto tra Naxoslegge e liceo linguistico sulle orme di Tomasi di Lampedusa

AUGUSTA – Nuovo incontro nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro avviato a gennaio, tra Naxoslegge, festival itinerante delle narrazioni, e il Liceo “Megara” di Augusta per condividere l’amore per la letteratura, in particolare per Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che ha reso immortale la costa e il mare della città nel racconto lungo La sirena.

Ieri, nella caserma “Magro” di Marisicilia, a seguito dell’introduzione dalla referente locale di Naxoslegge, Mariada Pansera, è stato presentato agli studenti il libro Il Gattopardo raccontato a mia figlia della docente messinese Maria Antonietta Ferraloro, dinanzi alle classi prime, terze e quarta del liceo linguistico.

La docente ha raccontato al giovane pubblico di come il libro sia nato dalla volontà di fare un regalo di compleanno alla figlia per i suoi 9 anni, scrivendole una lettera per invogliarla a conoscere il celebre autore della letteratura novecentesca. “Volevo raccontare l’uomo e lo scrittore; una figura complessa, affascinante e soffermarmi su tutta la sua opera che, a dispetto di quanto si pensi ancora, non si limita certo solo al Gattopardo – ha detto Ferraloro – L’idea, insomma, era quella di regalarle un libro mappa che la guidasse in quella bellissima isola del tesoro che è la lettura… la lettura dei classici in particolar modo. Naturalmente, non mi aspettavo che quella lunga lettera divenisse un libro, adottato, tra l’altro, in così tante scuole”.

Per quanto concerne il progetto di alternanza scuola-lavoro di turismo esperienziale, rivolto alle classi terze e quarta del liceo linguistico, in corso di svolgimento da gennaio ad aprile, l’obiettivo è la formulazione di un percorso turistico-letterario ad Augusta, legato alla figura di Tomasi di Lampedusa e alla Lighea, che sia tradotto in tre lingue (inglese, francese e spagnolo).

Si è partiti dal racconto lungo La sirena, o Lighea, coinvolgendo gli studenti in passeggiate nei luoghi che ospitarono il celebre scrittore palermitano nell’immediato dopoguerra. Come ha ribadito ai liceali ieri la docente Fulvia Toscano, direttore artistico di Naxoslegge, “se non siamo noi in primis a stare bene e ad amare il nostro territorio e il nostro patrimonio culturale, non potremo mai raccontarlo agli altri”.

Sono inoltre oggetto di traduzione da parte degli studenti anche diverse pagine del libro Itinerari siciliani – Topografie dell’anima sulle tracce di Tomasi di Lampedusa e del catalogo d’arte Lighea – Il mito e la Sirena, recentemente presentato in città (vedi articolo).


getfluence.com
In alto