News

Augusta, buoni spesa regionali per famiglie in difficoltà: aperte le domande

AUGUSTA – Si potranno erogare a breve anche ad Augusta i buoni spesa regionali a disposizione dei comuni siciliani fin dalla prima ondata della pandemia di Covid-19 (delibera di giunta regionale n. 124 del 28 marzo 2020) quali misure di sostegno all’emergenza socio-assistenziale.

Al Comune era stata assegnata una prima tranche di 215.232 euro (pari al 30 per cento dello stanziamento complessivo), ma l’amministrazione comunale in carica allora aveva preferito “smaltire” prima i 257.333 euro dei buoni spesa statali, almeno fino al 13 luglio, quando ha inviato l’atto di adesione alla Regione. A scoraggiare diverse decine di enti comunali “rinunciatari” alla misura regionale (a valere su fondi europei del Ps Fse) era stato l’iniziale diverso “grado” del vincolo di destinazione dei fondi e poi criticità sulla rendicontazione.

Dopo la propedeutica delibera della nuova giunta comunale per l’individuazione del Rup, lo scorso 4 dicembre, ieri è stata pubblicata la determina del responsabile dell’ottavo settore (quale Rup) con cui si impegna la somma dei 215 mila euro, allegando l’avviso necessario a costituire e pubblicare l’elenco degli esercizi commerciali disponibili ad accettare i buoni spesa regionali che saranno emessi dal Comune di Augusta quali “voucher multiuso”, come si legge nell’atto.

A ogni nucleo familiare avente diritto, a seguito di invio dell’istanza di accesso (clicca qui per scaricare il modulo) a mezzo email a buonispesaregionali@comunediaugusta.it entro il 17 gennaio prossimo e dopo la verifica da parte del Comune, verranno erogati i buoni spesa per “l’acquisto di beni di prima necessità (alimenti, prodotti farmaceutici, prodotti per l’igiene personale, bombole del gas)“.

I buoni spesa per singolo nucleo familiare hanno un valore unitario massimo di: 300 euro per un nucleo composto da una sola persona, 400 euro per un nucleo composto da due persone, 600 euro per un nucleo composto da tre persone, 700 euro per un nucleo composto da quattro persone, 800 euro per un nucleo composto da cinque o più persone.

Come previsto dalla Regione, le risorse sono destinate “prioritariamente” ai nuclei familiari che non percepiscono alcuna altra forma di reddito o alcuna altra forma di assistenza economica da parte dello Stato, compresi ammortizzatori sociali e reddito dei cittadinanza.

[Aggiornamento] A riguardo, riceviamo una dichiarazione congiunta degli assessori Beniamino D’Augusta e Ombretta Tringali: “Ieri sono stati pubblicati gli avvisi per i buoni spesa regionali grazie alle Politiche sociali. Alla dott.ssa Passanisi e a tutti i dipendenti dell’ufficio va il ringraziamento nostro e di tutta l’amministrazione. Questa amministrazione è al fianco dei cittadini disagiati. Ci stiamo impegnando a realizzare ed attuare tutti gli strumenti a sostegno delle fasce di cittadini meno abbienti, agli anziani e ai disabili“.

(Foto di copertina: generica)


In alto