News

Augusta, fondo regionale di solidarietà parchi archeologici: occasione per Megara Hyblaea

AUGUSTA – Passa nella finanziaria regionale, ancora in discussione all’Ars, l’istituzione del Fondo di solidarietà per quei Parchi archeologici regionali le cui entrate, ad oggi limitate, non consentono di poter effettuare una compiuta programmazione delle attività. In sostanza, con l’approvazione dell’articolo 34 della legge di stabilità regionale, è stato introdotto il principio che il dieci per cento delle risorse incassate dai ticket di ingresso dei parchi archeologici di tutta la Regione verrà versato in un fondo dal quale attingerebbe anche il Parco archeologico di Leontinoi che ricomprende l’area di Megara Hyblaea.

Quello di oggi è un risultato molto importante perché introduce una norma di buon senso – dichiara in un comunicato l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, Alberto Samonà che offre un importante aiuto economico ai Parchi archeologici più giovani che ancora non hanno raggiunto livelli di autonomia economica e li sostiene nella programmazione delle proprie attività. Il fondo prevede che il dieci per cento delle risorse derivanti dallo sbigliettamento dei Parchi di cui ai Titoli I e II della legge regionale 3 novembre 2000, n. 20, per il triennio 2021/2023, vengano destinati a finanziare le spese di funzionamento, fruizione e valorizzazione dei Parchi con insufficiente dotazione economica. In questo modo si potrà potenziare l’offerta culturale di tantissimi siti archeologici di tutta la Sicilia”.

Non posso che esprimere la nostra soddisfazione all’assessore Samonà – commenta in una nota il sindaco Giuseppe Di Mare poiché l’istituzione del fondo prevede che il dieci per cento delle risorse derivanti dallo sbigliettamento dei Parchi archeologici vengano destinati a finanziare le spese di funzionamento, fruizione e valorizzazione di quelli con insufficiente dotazione economica“.

Potrebbe essere occasione di rilancio, una volta allentate le misure governative di contenimento sanitario, per il Parco archeologico di Leontinoi diretto da Lorenzo Guzzardi (nella foto di copertina, di V. Faccini, ndr), che ha competenza sul museo archeologico di Lentini, l’area archeologica di monte San Basilio a Lentini e appunto l’area archeologica di Megara Hyblaea ad Augusta. Il Parco è stato oggetto nei giorni scorsi di una recente dichiarazione di intenti da parte dei sindaci di Augusta, Giuseppe Di Mare, di Carlentini, Giuseppe Stefio, e di Lentini, Saverio Bosco, nella direzione di “rilanciare la funzione dei parco archeologico ponendo le basi per una concreta sinergia tra Comuni“, come si è appreso da una nota diramata dall’amministrazione di Augusta.

Con particolare riguardo al comitato scientifico. “Insieme, attraverso i rispettivi assessorati e con l’azione propulsiva del comitato scientifico – ha osservato l’assessore alla Cultura, Giuseppe Carrabino avvieremo un programma di valorizzazione del parco che non può prescindere dalla conoscenza dei luoghi e dalle testimonianze frutto delle diverse culture che hanno animato il nostro territorio sin dall’antichità. Nessuna contrapposizione ma l’impegno da parte di tutti alla cooperazione per la necessaria valorizzazione pur con tutte le problematiche strettamente connesse, ivi comprese le diverse competente di Enti, Istituzioni e privati su aree insistenti nel parco“.


In alto