News

Augusta, Gelardi lascia la direzione del carcere di Brucoli

AUGUSTA – Il dottor Antonio Gelardi lascia, dopo oltre dieci anni, la direzione della Casa di reclusione di Brucoli. Ci ha inviato una lettera aperta, che volentieri pubblichiamo, dandogli atto del suo pluriennale impegno e augurandogli ulteriori successi e affermazioni professionali.

In data di ieri ho lasciato dopo un lunghissimo periodo la direzione della casa reclusione di Augusta a causa della permanenza protratta per più di dieci anni, considerata elemento ostativo da parte dell’amministrazione penitenziaria. Ciò ferma restando l’eventualità di futuri provvedimenti diversi del giudice amministrativo a ciò adito.

In pari data ho salutato e ringraziato in primo luogo il personale tutto, del cui operato sono orgoglioso, le autorità del territorio ed in primo luogo il Sindaco, la giunta ed il consiglio comunale, ed attraverso di essi la cittadinanza, con la quale si è creato nel corso degli anni uno speciale rapporto.

Come è noto agli organi di stampa, tantissime sono state le iniziative che grazie alla capacità ed all’impegno del personale tutto sono state realizzate e che hanno visto l’ingresso di migliaia di cittadini, studenti, volontari oltre che di autorità, nell’intento di rendere il carcere una casa di vetro e coinvolgere il territorio nell’azione di risocializzazione ispirata all’articolo 27 della Costituzione.

Colgo l’occasione per ringraziare i dirigenti scolastici, con i quali vi è stata una intensa e proficua collaborazione, i club service, le associazioni di volontariato e del terzo settore, le istituzioni culturali, e, last but not least, i cari amici giornalisti che hanno seguito sempre e dato spazio agli eventi realizzati presso la casa di reclusione. Un particolare ricordo va in questo momento all’amatissimo amico giornalista Gianni D’Anna, che ci ha lasciato recentemente, ed alla sua famiglia”.

(Nella foto di repertorio, al centro: Antonio Gelardi in occasione della cerimonia per il bicentenario della Polizia penitenziaria nel carcere di Augusta)


In alto