Cronaca

Augusta, incarcerato scafista egiziano sbarcato dopo la quarantena sulla “Azzurra”

AUGUSTA – Nella mattinata di ieri, poliziotti della squadra mobile hanno arrestato un immigrato irregolare egiziano di 43 anni, appena sbarcato sulla banchina commerciale del porto di Augusta, perché risultava già condannato a 3 anni e 11 mesi di reclusione per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e tentata violenza privata quasi otto anni fa.

L’uomo, dopo essere sbarcato clandestinamente nel porto di Roccella Jonica (Reggio Calabria), l’8 gennaio scorso, era stato trasferito a bordo nella nave-quarantena “Gnv Azzurra”, attualmente alla fonda nel porto Megarese (vedi foto di repertorio in copertina), per trascorrervi il periodo prescritto dalle misure governative anti-Covid.

Dagli accertamenti esperiti, è emerso che il cittadino egiziano era destinatario di un provvedimento di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Taranto, in quanto era stato condannato per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e tentata violenza privata, commessi nel giugno 2014.

Al termine del prescritto periodo di quarantena a bordo della nave, il 43enne è sbarcato ed è stato quindi arrestato e tradotto nel carcere di Noto per espiare la pena definitiva.


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Salvatore Pappalardo
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2022 La Gazzetta Augustana.it

In alto