Cronaca

Augusta, stalking e lesioni alla compagna: arrestato quarantasettenne augustano

AUGUSTA – Misura cautelare degli arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, a carico di un quarantasettenne augustano accusato di stalking e lesioni personali in danno della ex compagna. Il provvedimento del Gip di Siracusa è stato eseguito da poliziotti del locale commissariato di pubblica sicurezza.

All’uomo vengono contestati “gravi atti persecutori e lesioni personali” nei confronti di una donna con la quale aveva intrapreso una relazione sentimentale tra l’aprile del 2020 e lo scorso gennaio. Secondo l’accusa, nel corso della relazione, “per motivi di gelosia” avrebbe minacciato “pesantemente e continuamente la compagna anche di morte, colpendola con calci e pugni e causandole lesioni ed anche una frattura ad un piede“.

Gli agenti del commissariato di Augusta, guidato dal dirigente Guglielmo La Magna, hanno “seguito la vicenda della donna, assistendola in tutte le fasi” come attivando il “Protocollo Eva“, che detta le linee guida per il primo intervento degli operatori di polizia nei casi presunti di violenza di genere, maltrattamenti in famiglia e tra conviventi, nonché l’ormai consueto “Codice rosso“, che consente di assegnare una corsia preferenziale in tutte le fattispecie di violenza perpetrate nei confronti delle donne. Tale procedura, infatti, investe senza ritardo l’autorità giudiziaria che può, valutatene le gravità, emettere nell’ambito misure cautelari nei confronti del presunto violento.

(Foto di copertina: generica)


In alto