Pubblicità elettorale

News

Augusta, ufficio postale centrale, riapertura progressiva dal 20 aprile

AUGUSTA – Riaprirà lunedì 20 aprile l’ufficio postale dell’Isola in via X Ottobre (piazza Sant’Andrea), uno dei tre uffici di Poste italiane nel territorio comunale, ma tornerà pienamente operativo solo da lunedì 27 aprile.

Nella prima settimana gli sportelli rimarranno aperti nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì e solo di mattina. Nella settimana successiva, quindi a partire da lunedì 27, in coincidenza con il pagamento delle pensioni, gli sportelli rimarranno aperti tutti i giorni.

Per oltre un mese dalla chiusura (12 marzo), attuata a ridosso del Dpcm “Io resto a casa”, la stragrande maggioranza dei cittadini ha potuto far riferimento a un solo ufficio, quello alla Borgata in via Lavaggi, rendendo difficoltoso il distanziamento interpersonale previsto dalle misure di contenimento sanitario da Coronavirus.

Il sindaco Cettina Di Pietro rende noto stamani che l’ufficio centrale “a partire dal prossimo lunedì 20 aprile, potrà progressivamente ripristinare la propria operatività“, ricordando che ciò fa seguito “anche alla mia richiesta inviata alla Direzione centrale di Poste italiane con una nota della Polizia municipale che evidenziava il grande afflusso di utenti presso l’Ufficio postale di via G. Lavaggi in Borgata (con conseguenti assembramenti) dovuto anche alla chiusura dell’Ufficio di via X Ottobre 27“.

inserzioni

Mi viene, altresì, comunicato – aggiunge il primo cittadino – che nei locali di questo ufficio sono stati adottati accorgimenti atti a garantire la sicurezza sanitaria dei lavoratori e degli utenti ai quali verrà richiesto di mantenere il distanziamento fisico che ci accompagnerà per alcuni mesi ancora“.

Era intervenuto, lo scorso 8 aprile, il consigliere comunale d’opposizione Giuseppe Di Mare, inoltrando una richiesta, al presidente della Regione e agli uffici direttivi di Poste italiane, di “immediata riapertura dell’Ufficio postale centrale di Augusta di via X Ottobre 27 per mantenere un servizio essenziale di pubblica utilità in sicurezza sia per gli utenti che per i lavoratori“.

Il consigliere sottolineava, tra l’altro, che “l’atteggiamento di Poste italiane è fortemente contraddittorio: da un lato afferma che gli uffici postali dovranno adeguarsi alle misure restringenti dettate dal Governo, lavorando in modo più limitato a causa del pericolo di contagio da Covid-19 ed evitando che tali uffici diventino luoghi di assembramento, e allo stesso tempo chiudendo la sede centrale della Posta di Augusta e mantenendo la piccola Agenzia del quartiere Borgata priva di spazi, si creano proprio quelle situazioni da evitare“.


scuolaopenday
In alto