Politica

Augusta, verso le amministrative, centrodestra alle prime prove d’intesa: “Confronto sul programma, poi candidatura a sindaco condivisa”

AUGUSTA – “Il centrodestra unito ha dimostrato di essere maggioranza e di potere vincere in tutte le competizioni elettorali svolte in Italia negli ultimi mesi. Dalle Regionali, alle Europee ed anche alle Amministrative, da nord a sud della Penisola. Avvertiamo pertanto il dovere di riallacciare le fila di un dialogo e ritrovare le ragioni che ci uniscono per costituire un polo forte e coeso anche ad Augusta, in prospettiva delle elezioni del prossimo anno”. Con questa premessa, in un comunicato congiunto, le delegazioni locali dei quattro partiti del tradizionale centrodestra, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Udc, si sono riunite nei giorni scorsi nella sede di Fratelli d’Italia.

Alle recenti elezioni europee i partiti del centrodestra si sono misurati, registrando ad Augusta l’8,10 per cento di Fdi, il 9,09 di Fi (con una candidatura in quota Udc) e il clamoroso 23,87 della Lega, totalizzando virtualmente un 41,06 per cento che con la legge elettorale delle amministrative determinerebbe la vittoria al primo turno. Ma le elezioni comunali sono una competizione assai diversa.

Intanto fanno prove tecniche di intesa, “una intesa che appare possibile” si legge, per ritrovare una coesione perduta praticamente da un decennio, considerato che nella tornata elettorale amministrativa del 2015 (la precedente risale al 2008), quando il M5s con Cettina Di Pietro vinse al ballottaggio, l’odierna area del centrodestra si era ritrovata scomposta in opposte coalizioni civiche.

Le delegazioni riunitesi sono state guidate dai referenti cittadini dei rispettivi partiti, Massimo Casertano per la Lega, Paolo Amato per Forza Italia, Enzo Inzolia e Marco Failla per Fratelli d’Italia e Domenico Morello per l’Udc.

Durante la riunione è emersa la volontà di iniziare un percorso insieme, che attraverso un confronto sulle linee programmatiche da concordare possa pervenire ad una candidatura a sindaco unica e condivisa“, si aggiunge. Infatti, per quanto riguarda la candidatura a sindaco, a un anno dal voto, “non è il momento di fare nomi – affermano nel comunicato – è tempo di pensare alle priorità del territorio ed alle necessità che avverte una Città da troppo tempo frustrata da problemi che giacciono ancora irrisolti. Occorre stilare un programma, concreto, credibile e realizzabile che incontri le reali esigenze dei cittadini e che ponga fine alla lunga fase emergenziale che riguarda oramai tutti i settori”.

Si apprende di una prossima apertura a liste civiche, ma, si specifica, “solo a quelle che si trovano a condividere un programma ed una visione diversa nella gestione della cosa pubblica, in discontinuità con il passato e con il presente”, aggiungendo che “il centrodestra ad Augusta non ha mai governato da quando esiste l’elezione di diretta del sindaco, non ha responsabilità dello “sfascio” cittadino e vuole pertanto costituire una vera alternativa“.

(Nella foto di copertina: Palazzo municipale di Augusta)


nuovaacropoli nuovaacropoli
In alto